Fondazione Veronesi, a Como la sfida della prevenzione

© @antonio_nassa | Francesca Ruffini

Como si mobilita a favore della Fondazione Umberto Veronesi. Già tutto esaurito domani, martedì, alle 20 al Sociale di Como (e grande attesa per l’arrivo di tre vip, top secret, del mondo dell’alta gastronomia e dello sport), per la cena di gala promossa dalla responsabile della Delegazione di Como della Fondazione, Francesca Ruffini, allo scopo di raccogliere fondi per un’ottima causa. Il menù della serata è stato affidato ad Antonio Guida, executive chef del ristorante “Seta” del Mandarin Oriental di Milano, che condivide con Fondazione Umberto Veronesi l’attenzione a un’alimentazione sana, primo e fondamentale strumento di prevenzione.
I fondi raccolti saranno devoluti al progetto Gold for Kids, per finanziare un protocollo internazionale di cura dei sarcomi sinoviali. Data la rarità e l’eterogeneità di questi tumori, è importante che i bambini e gli adolescenti con un sarcoma delle parti molli siano trattati in centri specializzati.
«Sono grata a Como per il crescente sostegno – dice Francesca Ruffini – È il quinto anno che organizziamo la cena benefica al Sociale e l’entusiasmo con cui il Lario sostiene la causa della Fondazione è incoraggiante. Umberto Veronesi insisteva sempre sulla prevenzione. Seguendo il suo esempio vogliamo sempre proporre nei nostri incontri conviviali esempi e messaggi che lascino il segno. Ad esempio, cerchiamo sempre chef stellati per sottolineare che il sano è anche buono, usando solo cibi della salute, con cotture che rispettino le regole dell’alimentazione sana. E poi lo sport, altro elemento importantissimo per una prevenzione attiva. Per questo chiamiamo testimonial sportivi che ci raccontino la loro storia di dedizione e perseveranza».
Martedì parteciperanno al charity dinner ben 500 persone. «Ottimo segno – commenta ancora Ruffini – Fa particolarmente piacere che la comunità dei sostenitori della Fondazione Veronesi cresca di anno in anno. Per la prevenzione servono poche ma costanti pratiche: alimentazione sana, movimento e controlli assidui compatibili con l’età. La chiamo “ecologia della salute”».
Martedì al Sociale ci saranno anche Sultana Razon, moglie del professor Umberto Veronesi, e Paolo Veronesi, presidente della fondazione, e la presidente del comitato scientifico della fondazione, Chiara Tonelli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.