Fondi grazie a società fantasma, arrestate due donne

Il Tribunale di Milano

Due donne, una residente in provincia di Como e una di Reggio Emilia, sono state arrestate ieri mattina dalla polizia giudiziaria della Procura di Milano. Secondo l’accusa, avrebbero ottenuto finanziamenti pubblici da istituti di credito per società definite “fantasma” che avrebbero dovuto operare nell’ambito del riciclo dei rifiuti plastici. Le accuse parlano di bancarotta, truffa e ricorso abusivo al credito. Secondo quanto sostenuto dall’accusa (che parte dal 2015) la truffa si aggirerebbe sui 7 milioni e mezzo di euro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.