Furia omicida a Vighizzolo: il nonno ucciso da 19 coltellate
Cronaca

Furia omicida a Vighizzolo: il nonno ucciso da 19 coltellate

I carabinieri sul luogo del delitto a Vighizzolo I carabinieri sul luogo del delitto a Vighizzolo

Non tre coltellate come ipotizzato in un primo momento ma diciannove. Diciannove fendenti inferti ovunque, all’addome, ma anche alla gola e alla schiena. Un raptus omicida che non ha lasciato scampo al nonno.

Sono giunte in Procura a Como le prime risposte dell’autopsia sul corpo di Giovanni Volpe, il pensionato di 78 anni ucciso nella sua abitazione di Vighizzolo, a Cantù, venerdì scorso. In carcere, al Bassone, accusato del delitto, si trova il nipote dell’anziano, Luca Volpe, 26 anni. Interrogato lunedì dal giudice, il ragazzo avrebbe ammesso di aver aggredito il nonno dopo l’ennesimo rimprovero, avvenuto perché il giovane faceva uso di droga.

Ma quello che non era ancora emerso era il numero delle coltellate inferte: ben 19. Alcune, avrebbe riferito l’anatomopatologo che ha eseguito l’autopsia, anche molto violente, andate in profondità, inflitte con una violenza inaudita. Tutti elementi che ora verranno valutati dal pubblico ministero che sta indagando sulla vicenda, la dottoressa Simona De Salvo.

Va anche ricordato che il coltello usato per uccidere il nonno, si è anche rotto in due proprio in seguito alla violenza dei colpi. I carabinieri infatti, una volta nell’abitazione di Vighizzolo per effettuare il sopralluogo, hanno ritrovato e posto sotto sequestro la lama staccata dal manico del coltello da cucina utilizzato per commettere il delitto.

Da quanto è stato possibile accertare, il delitto sarebbe avvenuto al termine dell’ennesimo litigio, dopo che il giovane era stato visto mentre consumava della droga. L’aggressione mortale sarebbe avvenuta attorno alle 16.30 nell’abitazione in cui il nonno viveva con il nipote, in via Monte Palanzone a Vighizzolo. Il corpo del pensionato è stato poi scoperto soltanto attorno alle 21.30 dal figlio della vittima, che era andato a far visita al padre.

23 marzo 2018

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto