Gattuso, c’è la firma: «Per me è il massimo»

Mister Giacomo Gattuso, Como promosso in B

Giacomo Gattuso confermato alla guida del Como con un contratto firmato fino al mese di giugno del 2023. Un accordo che era stato annunciato fin dalla vigilia della gara di Supercoppa con la Ternana, esattamente una settimana fa, e che ora è stato suggellato ufficialmente.

«Per me è semplicemente il massimo – ha commentato Gattuso – ringrazio veramente il direttore Ludi, la società e tutti i miei ragazzi che ogni giorno ci hanno messo l’anima per raggiungere l’obiettivo Serie B. Continuerò giorno dopo giorno a lavorare senza sosta, abbiamo subito una grande sfida di fronte a noi, ma sono sicuro che con la forza della società e di questi ragazzi riusciremo a raggiungerlo».

Nato a Como il 14 giugno del 1968, Giacomo Gattuso è cresciuto come calciatore nel vivaio del club lariano, nella scuola di Mino Favini. Ha militato nella squadra della sua città – di cui è stato anche capitano – tra il 1989 e il 1995 e tra il 1997 e il 1999. Oltre che con gli azzurri, ha giocato anche con Salernitana, Saronno, Spal, Catania e Novara. Ha chiuso la carriera agonistica nel campionato 2001-2002 alla Canzese, in cui poi ha esordito come allenatore ed è rimasto nel club del triangolo lariano fino al 2004, quando è andato al Novara. I piemontesi condannarono i lariani alla C2, ma nel cuore dei tifosi è rimasto il suo saluto in lacrime sotto la curva al termine dell’incontro.
Nel torneo 2005-2006 Gattuso è stato chiamato quale tecnico degli azzurri, voluto dall’allora presidente Giangerolamo Barzaghi.
Poi, dal 2007 al 2020, la lunga esperienza al Novara fino alla scorsa estate, con il ritorno sul Lario, la sostituzione a campionato in corso di Marco Banchini e la conquista della B.

E a proposito del torneo Cadetto, le semifinali dei playoff per la A hanno rivelato i nomi di ulteriori due interlocutrici dei lariani nel prossimo campionato. La sorpresa è l’eliminazione del Monza ad opera del Cittadella. Dopo il match d’andata terminato 3-0 a favore dei veneti, i brianzoli in casa hanno vinto per 2-0 e per un soffio non sono riusciti a ribaltare la situazione a loro favore.
Tornerà anche un match visto negli anni ’80 in serie A, quello contro il Lecce, che è stato eliminato dal Venezia (1-0 per i lagunari all’andata, 1-1 nella seconda partita).
Con il Benevento che si è aggiunto alle altre retrocesse dalla A, Parma e Crotone, la serie B 2021-2022 è quasi completamente delineata con tre derby lombardi: oltre a quello con il Monza ci saranno la sfide con il Brescia e la Cremonese. Le altre formazioni, oltre a quelle citate, saranno Ascoli, Chievo Verona, Frosinone, Pisa, Pordenone, Reggina, Spal, Vicenza e una che salirà dai playoff dalla serie C.

A queste vanno aggiunte, oltre al Como, le altre due promosse dalla Lega Pro, il Perugia e la Ternana, che proprio oggi alle 15 si affrontano nel match che va a chiudere la Supercoppa, torneo a tre a cui hanno preso parte i lariani di mister Gattuso, che non hanno alcuna possibilità di vincere dopo le due sconfitte con i “grifoni” (2-1 allo stadio Curi) e sette giorni fa con i rossoverdi al Sinigaglia (0-3).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.