Giro d’Italia, il 23 ottobre la tappa sul Lario

Giro d'Italia 2019 a Como. La maglia rosa Richard Carapaz

Presentato ufficialmente il percorso della corsa ciclistica, in programma dal 3 al 25 ottobre 2020

Giro d’Italia sul Lario il 23 ottobre. Presentato ufficialmente il percorso della Corsa Rosa: una cronometro individuale, un arrivo in salita sull’Etna e due tappe miste caratterizzeranno la Grande Partenza dell’edizione 103 del Giro d’Italia, organizzato da Rcs Sport e “La Gazzetta dello Sport” e in programma dal 3 al 25 ottobre 2020.

Quella comasca sarà la tappa numero 19, con partenza da Morbegno e arrivo ad Asti, che includerà il Lago di Como: un lungo passaggio sulla Regina e l’attraversamento di Como. Gera Lario, Gravedona, Menaggio, Sala Comacina, Argegno, Como, Camerlata, Fino Mornasco, Bregnano sono le tappe comasche del Giro. Poi i ciclisti si dirigeranno verso Saronno alla volta di Vigevano per poi entrare in Piemonte, nella Lomellina, fino all’arrivo ad Asti. Dopo aver affrontato lo Stelvio e le Torri di Fraele, per gli atleti si tratta di una tappa parzialmente di recupero, adatta ai velocisti, ma non perfettamente piatta. Da Morbegno si segue il lato nord della valle fino all’imbocco del Lago di Como.

Qui la carreggiata si restringe per tutto il tratto lungo la riva del lago fino a Como (il tratto è caratterizzato dalla presenza di numerose gallerie e dall’attraversamento di numerosi centri cittadini). Dopo Como – che a Ferragosto ospiterà l’arrivo del Giro di Lombardia – la corsa attraversa tutta la pianura Padana fino a raggiungere Alessandria per strade ampie e rettilinee in cui occorre segnalare negli attraversamenti cittadini numerosi ostacoli urbani come rotatorie, dossi e spartitraffico. Unica piccola asperità l’ascesa all’Abbazia di Masio prima degli ultimi chilometri pianeggianti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.