I contagi nel Canton Ticino sono ora 258

Targa Canton Ticino

«Ci dispiace se inizialmente abbiamo sbagliato a comunicare in merito a questo virus. Ma lo abbiamo fatto con i pochi strumenti e dati che avevamo in mano. Stiamo facendo il possibile per dare la miglior comunicazione possibile, aggiornandola di giorno in giorno. Nella storia della medicina una situazione del genere non si è mai vista». Giorgio Merlani, medico cantonale del Ticino, non ha nascosto ieri la preoccupazione per una situazione che si aggrava di ora in ora.

L’epidemia di Coronavirus si estende rapidamente anche in Canton Ticino, dove le persone contagiate sono adesso 258, 40 in più del giorno precedente.
«Stiamo salendo in misura eccessiva – ha sottolineato Merlani parlando ai giornalisti durante la consueta conferenza stampa di metà pomeriggio a Bellinzona – Ci sono 52 persone ricoverate in ospedale e 13 in terapia intensiva».

Una curva di crescita, ha detto il medico cantonale, che deve essere «schiacciata», per non mettere in crisi il sistema sanitario.
Dopo settimane di incertezze, anche Merlani ha fatto appello adesso alla responsabilità dei cittadini, chiedendo loro di limitare al massimo i contatti sociali. Il responsabile tecnico della sanità cantonale si è poi rivolto in particolare ai più giovani: «I ragazzi devono capire che andare in giro può essere pericoloso – ha detto – Non devono avere rapporti sociali, soprattutto con i più anziani, per evitare la diffusione del virus. Se non lo fanno per la loro salute, devono farlo per i loro nonni». Identico appello è stato rivolto alla popolazione dal ministro della Salute, il popolare democratico Raffaele De Rosa: «La sfida è ridurre il numero di contagi. Se non riusciamo a ridurre il picco, presto non riusciremo a prendere in carico negli ospedali tutti i pazienti. Quando inizialmente chiedevamo misure più drastiche da Berna ci ridevano addosso. Adesso la situazione è mutata».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.