I dubbi sulla modifica dell’età pensionabile

LA NUOVA NORMA DETTATA DA BRUXELLES
Ritengo opportuno intervenire sulla lettera di intenti che il governo Berlusconi ha inviato all’Unione Europea  in riferimento alla modifica dell’età pensionabile. Bruxelles ha invitato il nostro Paese a innalzare gli anni per accedere alla pensione: ossia da sessantacinque a sessantasette anni, uomini e donne. Inoltre, per le aziende che si trovano in difficoltà, era stata ventilata la sciagurata possibilità di poter licenziare senza peraltro ricorrere alla cassa integrazione. Naturalmente tutto ciò  non stava bene ai sindacati che minacciavano una mobilitazione generale. Al di là di questo secondo aspetto, ora rientrato, permane un punto interrogativo, ossia se è dignitoso per i lavoratori terminare la propria carriera quando si è anziani e stanchi, o se non lo è affatto: dopo tutto si vive una volta sola.
E, purtroppo, la stessa Unione Europea molto spesso dimentica che non siamo carne da macello.
Gianni Noli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.