I musei ticinesi sanno fare rete

opinioni e commenti di lorenzo morandotti

di Lorenzo Morandotti

Si vince facile, quando si fa il paragone tra la calma piatta comasca e quanto avviene nella  vicina Svizzera sul fronte della politica culturale.

Oltre confine c’è, nonostante le difficoltà del momento, più voglia di lavorare in squadra, ci sono più finanziamenti, meno chiacchiere e più risultati. Merito delle banche? Non conta solo la disponibilità finanziaria.

La notizia è che parte una nuova rete di musei che da oggi  nel Mendrisiotto unisce il M.a.x. museo a Chiasso, il Museo d’arte Mendrisio, il Museo Vincenzo Vela a Ligornetto, la Pinacoteca cantonale Giovanni Züst a Rancate e il Teatro dell’architettura a Mendrisio.

Queste istituzioni si uniscono  per  consolidare le loro collaborazioni, intensificare le sinergie e agevolare l’accesso e le visite del pubblico. Nasce insomma la rete dei Musei d’Arte del Mendrisiotto (l’acronimo è Mam) che ha lo scopo di accrescere la visibilità, promuovere la conoscenza e valorizzare la ricca offerta di queste istituzioni, sottolineando la diversità e la complementarietà delle loro collezioni (pittura, fotografia, scultura, grafica, architettura), delle loro mostre temporanee e delle ulteriori attività culturali.

Provate a fare il paragone con quanto avviene sul Lario, tra musei pubblici che tirano a campare e  privati virtuosi che resistono e spesso fanno i conti con burocrazia, fondi e indifferenza delle istituzioni, e poi tirate le somme. Altro che sinergia, è già tanto se i musei esistono ancora. Como si è fatta bagnare il naso anche dalla provincia lecchese  sul fronte della promozione delle collezioni d’arte e storia del territorio. Un tour virtuale interattivo con contenuti multimediali nei mesi scorsi infatti ha lanciato le trenta strutture del “Sistema museale” della provincia manzoniana ed è stato  attivato grazie a un cofinanziamento di Regione Lombardia attraverso il bando annuale dedicato ai musei e ai sistemi museali.  I cinque musei elvetici che hanno deciso di mettersi in rete  in primis si sono dotati  di una propria identità visiva attraverso un logo e un sito internet (museidartemendrisiotto.ch) e poi ci sarà un’agenda comune. La rete viene presentata oggi  alle  ore 10.30, allo Spazio Officina di via Dante a  Chiasso, dietro il Max Museo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.