di Lorenzo Morandotti, Opinioni & Commenti

Il bene pubblico e l’effetto Las Vegas

di Lorenzo Morandotti

Ogni nuovo evento Vip che conferma il Lario meta d’elezione è un  carico di manna per l’immagine di cui godiamo nel mondo. Ripeto ciò che ho scritto pochi giorni fa. Ma tutto ciò che esiste ha una serie di  limiti: fisico, legale, etico, estetico. E il dibattito che cresce in queste ore tra web e palazzo attorno a Villa Olmo, bene pubblico dal 1927, pare lo confermi. Di questi tempi è sottile il sentiero che unisce il mercato e il rispetto dei beni culturali. E infatti sull’argomento fioriscono fiumi di parole: vedi  le considerazioni di Salvatore Settis che, Costituzione alla mano, ha sottolineato: «Beni demaniali, usi collettivi ed esercizio popolare della sovranità sono tutt’uno».

Il mercato non è un demonio, per carità. E Como ha tante qualità  per navigarlo a testa alta e portafogli gonfio. Ma  ciò non autorizza ancora a riservare alla villa più bella del capoluogo, bene pubblico, il destino univoco di tanti altri luoghi di delizia privati. Nemmeno se l’uso “privato ed esclusivo” è temporaneo e  regolato da  apposito vincolo contrattuale.  In assenza di grandi mostre che ne orientino l’attività per molti mesi come  un tempo, la storica dimora a lago  in stile neoclassico, a dire il vero, si è prestata  a un uso polifonico, e infatti solo per stare agli ultimi mesi ha visto  sfilate di moda, set cinematografici, presentazioni in grande stile e nozze d’alto bordo. Ma da Dolce&Gabbana ad Ambani (la famiglia indiana che l’ha  presa in affitto) forse un po’ ne corre. Per carità, dei gusti non si disputa e il denaro non ha odore, dicevano i latini.

Resta un margine di dibattito circa l’effettivo interesse pubblico di quel che trovi in calendario: forse non ha lo stesso effetto volano sul piano mediatico del recente evento Dolce&Gabbana la festa per  un fidanzamento, sia pure con  – pare – 600 invitati di alto lignaggio e caratura internazionale, con impianto luci  bollywoodiano e introito importante per le casse cittadine (e peraltro si potrebbe discutere sul valore attribuito dal Comune al tempo-spazio chiamato  Villa Olmo).  La moda  in luglio ha proiettato Como e il lago sull’orizzonte internazionale, lo stesso ha fatto Netflix in agosto con la diva Jennifer Aniston. Siamo certi che con il romantico apparato scenico indiano si viaggi sulla stessa  lunghezza d’onda? A proposito di  agenda: a metà ottobre, se tutto procede come previsto, la giunta del  Comune di Como dovrà esaminare la proposta operativa di gestione che le verrà sottoposta da un’agenzia esterna, incaricata di individuare la migliore modalità per progettare e governare le attività di  Villa Olmo secondo la sua vocazione  pubblica. Ospitando  quindi, tanto per fare un esempio, grandi mostre internazionali, convegni e iniziative proprie di una  casa della cultura che appartiene  a tutti.

22 Set 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto