Il bilancio del maltempo: Regina chiusa e numerosi interventi del vigili del fuoco

Maltempo, torrente esondato

La Cascata della Camogge, a Colonno, ingrossata per la furia del maltempo ha spinto le autorità a decidere di chiudere in via precauzionale la Statale Regina in entrambi i sensi di marcia. E così ieri mattina intorno alle 7, quando la portata delle acque della cascata era talmente impetuosa da trascinare a valle piccoli sassi che riuscivano anche a superare le reti di protezione arrivando sulla strada dove transitavano le auto, si è presa la decisione e il traffico è stato deviato su dei percorsi alternativi.
A gestire la viabilità sono prontamente intervenuti gli agenti della polizia locale e i carabinieri di Tremezzina. Nel primissimo pomeriggio infine è stata ripristinata la regolare circolazione sulla Regina mantenendo sempre un occhio alle condizioni meteo. La Statale che costeggia la sponda occidentale del lago, in queste ultimi giorni è stata più volte teatro di interruzioni della circolazione, lunghi incolonnamenti e disagi per il traffico sempre dovuti alla furia del maltempo. Tra Argegno e Colonno, infine, dove la scorsa settimana si era verificato uno smottamento, resta in vigore il senso unico alternato fino a lunedì.
Ieri inoltre, dopo una nottata che ha visto infuriare gli elementi con piogge torrenziali e venti che hanno spirato fortissimi, si sono contati i danni dell’ondata di maltempo che si è abbattuta sulla provincia di Como.
E nella giornata di ieri si sono contati più di 100 interventi dei vigili del fuoco nelle diverse zone della provincia di Como. Tra città e provincia sono stati numerosi – come detto – gli interventi di messa in sicurezza. A Carimate, sulla strada provinciale 35, si è reso necessario rimuovere una pianta finita sulla strada e sempre a causa di arbusti pericolanti o caduti i pompieri hanno lavorato a Cernobbio in via Regina e in via per Bisbino. Straripamento nella valle di Torno al Pian del Tivano. E poi ancora tegole pericolanti a Sormano, mentre a Livo si è dovuto intervenire per due turisti in difficoltà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.