Il buon senso e il senso comune

opinioni e commenti di mario rapisarda

di Mario Rapisarda

La vicenda dello stadio Sinigaglia assume sempre più i contorni di una farsa in piena regola. Da settimane la società chiede una convenzione di 12 anni con il Comune. In cambio si impegna a realizzare un campo sintetico e promette di rigenerare (in futuro e in modo del tutto generico) impianto e area circostante.

Il Comune dapprima nicchia timidamente, esercitando un minimo di buon senso: la Cittadella Razionalista merita molto di più. Poi, davanti alla protesta a gran voce dei tifosi, cede su tutta la linea. Del resto ha ben poche frecce nel suo arco: la debolezza della maggioranza e l’immobilismo pluriennale prestano il fianco alle critiche più disparate, dalle quali difendersi è pressoché impossibile senza cadere nel ridicolo.

I soggetti a sbagliare sono quindi due: la società chiede troppo in cambio di generiche promesse e un campo di plastica, Palazzo Cernezzi concede tutto seguendo gli umori della piazza, ridotto com’è nell’angolo. Senza però ascoltare quella che è, ritengo, la maggioranza (che però di solito è silenziosa e quindi difficile da udire se non si hanno orecchie attente).

Passano i giorni, ma la firma su questa scellerata convenzione non arriva. Adesso, anche se sembra incredibile, è il Como 1907 a frenare. Il motivo è quantomai nebuloso: si parla di planimetrie che non corrispondono e di un campo sintetico (prima condizione essenziale) ora non più così ambìto. È arrivato il momento: entrambi gli attori tolgano il velo e, messi da parte gli infingimenti, squadernino le carte sul tavolo. La società dica cosa vuole, con chiarezza, senza farsi scudo dei tifosi.

Le tante scottature sulle carne viva della città e del calcio lariano (troppo in fretta dimenticate) dovrebbero indurre a maggior prudenza. Il Comune di Como mostri di essere all’altezza del compito dato: amministrare senza seguire l’onda e senza patetici tentennamenti. Tiri fuori dal cassetto e mostri la convenzione a tutti. Poi ponga dei termini temporali per la firma del documento tanto invocato. Lo esige il buon senso. Che speriamo ci sia ma è ben nascosto, come direbbe Manzoni, per paura del senso comune.

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Marco , 5 Agosto 2020 @ 13:21

    Concordo con lei direttore, chi se ne frega dei 4 tifosi del Como e che levino dalle p— lo stadio da li!
    Quel posto é solo un problema che il comune é inadeguato a gestire.
    L’amministrazione comunale deve fare solo una cosa semplice, venderlo e darlo a qualcuno che sicuramente ci farà qualcosa di più utile alla città.
    Sicuramente riqualificherebbe anche la zona risolvendo anche il problema di quei ca— di spacciatori che le forze dell’ordine non riescono a risolvere.
    Per il Calcio Como sicuramente ci sarà un parroco di buon cuore che potrà prestagli il suo campo per le partite di campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.