Il calendario del Como e le partite a rischio paralisi

Stadio Sinigaglia veduta aerea

I divieti e le limitazioni che “cingono d’assedio” la zona dello stadio sono ovviamente il frutto di accordi e decisioni motivate da ragioni di sicurezza. E per le partite a più alto rischio le disposizioni si fanno ancor più stringenti. A partire ad esempio dalla partita in cartellone al Sinigaglia il prossimo 27 ottobre, quando il Como se la vedrà con il Lecco. Due tifoserie tradizionalmente non molto amiche. Basti pensare ai violenti tafferugli scoppiati in occasione dell’ultimo match a Como tra le due squadre lo scorso 22 maggio. Per la partita in programma a fine mese sarà ad esempio anticipato l’orario di inizio delle operazioni di rimozione delle auto a 9 ore prima del fischio d’avvio (sono sette le ore nei casi di partite meno problematiche, come ad esempio sabato scorso). Sempre 9 ore vennero usate anche prima della partita contro il Monza di Silvio Berlusconi lo scorso otto settembre. Partita che non causò alcun intoppo e venne gestita regolarmente senza alcun problema dal dispositivo delle forze dell’ordine e della polizia locale. Prima del Lecco il Como giocherà comunque un altro match in casa il 20 ottobre con il Pontedera e il 23 un’infrasettimanale a Carrara. Il calendario indica poi il 3 novembre la sfida tra Como e Pro Patria. Dando poi uno sguardo al 2020, da segnalare il match con l’Alessandria (squadra che il Como affronterà in trasferta la prossima domenica), il 26 febbraio (infrasettimanale serale).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.