Il disperato tentativo dei carabinieri di salvare i ragazzi

Le lamiere dell'auto dei due giovani

Con l’estintore della loro auto di servizio hanno tentato di domare le fiamme

Sono arrivati pochi minuti dopo l’incidente.
Il tempo di percorrere con le sirene spiegate i tre chilometri che li separavano dal punto dell’incidente a quello in cui erano di pattuglia. Due uomini del Radiomobile di Cantù hanno fatto il possibile per strappare i due giovani dalla morte. Hanno tentato di aprire le portiere, che erano bloccate in seguito alle ammaccature dell’incidente. Poi hanno preso l’estintore che avevano nell’auto di servizio, e hanno tentato di spegnere le fiamme, anticipando l’arrivo dei vigili del fuoco che è stato comunque altrettanto rapido. Un tentativo non riuscito, perché le balle di fieno contro cui l’auto si era schiantata, hanno avvolto tutto alimentando il rogo. I piccoli estintori da auto possono avere un buon risultato sui principi di incendio, non su quello che è divampato pochi attimi dopo lo schianto.
La scena che si è parata davanti ai loro occhi, i due militari dell’Arma non la dimenticheranno mai.
Come non dimenticheranno mai l’intervento di martedì sera i vigili del fuoco, pure abituati a interventi delicatissimi, e i soccorritori del 118 partiti da Como e da Fino Mornasco. In volo è stato fatto alzare anche l’elicottero del Sant’Anna, utilizzato per trasportare il ferito a Varese. Tutto inutile.
Una settimana da dimenticare, questa che è ancora ben lontana dal concludersi. Tre morti in strada nel giro di tre giorni, e con dinamiche molto simili. Lunedì a Canzo, in un tratto di strada identico a quello di Casnate con Bernate, aveva perso la vita Raffaella Franciullo, 45enne di Asso. Anche lei viaggiava su una Fiat Panda, andava al lavoro e lungo un tratto rettilineo era uscita di strada, perdendo il controllo della vettura e andando a impattare contro un albero che si trovava sulla destra. Anche in quel punto, l’asfalto corre costeggiando una riva in cui l’auto era precipitata prima di sbattere contro la pianta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.