Il drammatico schianto di Parè. Scuola di Grandate in lutto «Lassù serviva un’artista»

Incidente mortale

Un lutto enorme, che la dirigente e gli insegnanti della scuola media di Grandate hanno dovuto spiegare ai ragazzi. La loro maestra di Arte non c’era più, portata via da un drammatico incidente stradale avvenuto nella serata di mercoledì a Parè.
A perdere la vita Daniela Porta, 48enne di Cavallasca, che era in moto assieme al marito, 50enne. Quest’ultimo è ancora ricoverato all’ospedale Sant’Anna di San Fermo.
Ieri è uscito dalla Rianimazione. In un primo momento si era temuto il peggio anche per lui.
Niente da fare invece per la maestra Daniela, morta sul colpo dopo essere finita contro un camion. La ricostruzione dell’accaduto è affidata ai carabinieri di Faloppio. La Procura di Como ha intanto disposto l’autopsia e aperto un fascicolo per far luce sull’accaduto. Ma ieri, come detto, alla scuola di Grandate è stato il giorno del lutto. Gli alunni sono stati riuniti ed è stato loro spiegato cosa era avvenuto. La dirigente scolastica, Raffaella Piatti, ex compagna di classe della vittima, ha poi scritto un messaggio che è rimasto sulla bacheca del sito Internet dell’Istituto comprensivo Cucciago, Grandate, Casnate.
«C’è chi penserà che Lassù ci fosse necessità di un’Artista…», è il titolo. «Ma oggi – prosegue la lettera – l’intera comunità scolastica del nostro Istituto è sgomenta perché la professoressa Daniela Porta ci ha lasciato».
«Dispongo, in accordo con i docenti tutti, la possibilità di sospensione delle attività didattiche dell’Istituto: nel plesso di Grandate lo sforzo di tutti noi è teso a condividere e contenere il dolore».
Il ricevimento dei docenti è stato sospeso per tutta la settimana. «Sin d’ora stiamo operando per consentire a tutti di partecipare alla cerimonia funebre. Da parte mia un abbraccio materno a tutti gli studenti di Daniela, mia compagna di liceo, ai docenti e ai collaboratori, per lo sforzo che stanno umanamente compiendo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.