Il festival “Como Città della musica” debutta con Maurice Béjart

La compagnia che porta in scena le coreografie di Bejart a Villa Olmo

È tutto pronto per la quattordicesima edizione del Festival “Como Città della Musica” che da domani, 30 giugno, torna a Villa Olmo, da dove mancava dal 2012.
Il titolo della rassegna, “La dolcezza ancor dentro mi suona”, è un verso del “Purgatorio” della Divina Commedia di Dante, un omaggio al sommo Poeta del quale ricorrono i 700 anni dalla morte e intorno a cui si tesserà la trama degli spettacoli in programma.
Il festival debutterà domani e durerà 7 settimane, fino al 15 agosto. Si svolgerà nel parco retrostante Villa Olmo, dove artisti e generi musicali si susseguiranno in 16 appuntamenti serali, per dialogare con le altre manifestazioni, che si alternano sul palcoscenico allestito nel parco della Villa, in un unico itinerario, quasi una staffetta, tra le principali istituzioni culturali e territoriali coinvolte, all’insegna di uno scambio serrato. Ogni appuntamento è stato studiato perché si innesti in quello successivo ed in questa staffetta si passi la fiaccola dell’arte, la fiammella della creatività artistica, dell’amore e dell’ingegno celebrati da Dante.
Altri eventi animeranno poi Villa Olmo nel segno del “Wow festival” che si terrà dal 16 al 18 luglio.
I prossimi eventi
Domani, alle 21.30, è il caso di dirlo, si apriranno le danze con lo spettacolo di ballo “Pièces Courtes”. Le coreografie di Maurice Béjart su musiche di Bach, Chopin, Henry, Verdi e Brel animeranno il Festival in prima assoluta in Italia. Protagonista sarà proprio il Béjart Ballet di Losanna che, dalla sua creazione, nel 1987, è un punto di riferimento nel mondo della danza. Designato successore da Maurice Béjart, Gil Roman dirige la compagnia e ne preserva l’eccellenza artistica. L’intento di Maurice Béjart è sempre stato quello di aprire il mondo della danza a un pubblico vasto. Con questo stesso spirito, Gil Roman e i suoi 39 danzatori si esibiscono in tutto il mondo. Biglietti: da 30 euro. Prenotazioni: www.teatrosocialecomo.it.
Giovedì 1 luglio, alle 21.30, sarà la volta del “Paolo Fresu Devil Quartet”, ovvero i “diavoli” Fresu, Ferra, Dalla Porta e Bagnoli, in un concerto realizzato in collaborazione con il Conservatorio di Como. Il gruppo più “elettrico” del jazz italiano degli ultimi anni, si presenta in una versione completamente acustica. Ingresso: da 23 euro. Prenotazioni: www.teatrosocialecomo.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.