Il film dedicato ad Alida Valli è arrivato nei cinema

Alida Valli

Da questa settimana è arrivato per la prima volta sul grande schermo, a Milano al Mexico e in altre tre città lombarde ma non a Como per ora, la vita di una leggenda del cinema, Alida Valli, nell’immagine, musa di Visconti, Hitchcock, Bertolucci, Welles e Pasolini e che in gioventù visse sul Lario.

Dopo l’anteprima mondiale alla Festa del Cinema di Roma e la lunga pausa per l’emergenza sanitaria, tra i primi a essere programmato nelle sale c’è proprio Alida, il film documentario di Mimmo Verdesca dedicato alla vita della grande attrice. Un evento che cade in occasione del centenario dell’attrice (che verrà festeggiato il 31 maggio), e che segna la riapertura dei cinema.

Alida è stato uno dei pochissimi documentari internazionali a essere selezionato ufficialmente nell’edizione 2020 di Cannes Classics, la prestigiosa sezione del Festival di Cannes dedicata ai racconti sul cinema, con questa motivazione: «Il regista Mimmo Verdesca dipinge con grande delicatezza e grande affetto il ritratto di un’attrice italiana dal destino e dal talento straordinari: Alida Valli». Mimmo Verdesca, regista vincitore di due Nastri d’Argento, racconta per la prima volta la straordinaria vita dell’attrice attraverso le parole inedite delle sue lettere e dei suoi diari, che rivivono grazie alla voce di Giovanna Mezzogiorno, con tanto materiale d’archivio pubblico e privato mai visto prima.

Le iniziative a Como
Intanto anche Como si mobilita per il centenario della grande attrice. Il consigliere di Palazzo Cernezzi Sergio De Santis (Fratelli d’Italia) depositerà una mozione per intitolarle un luogo della città e ha contattato regista e produzione per mettere in calendario il film nell’ambito del “Villa Olmo Festival” da metà giugno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.