Il lago ha lasciato piazza Cavour, confermata la riapertura graduale

Le buone notizie per la viabilità cittadina sono giunte ieri anche dal meteo e dal livello del lago.
L’acqua ha lasciato piazza Cavour e pure il lungolago, dopo l’esondazione delle ultime 72 ore. Alle 19 di oggi il livello era a 113,2 centimetri sopra lo zero idrometrico, ovvero a -6,8 dalla soglia di 120, che rappresenta l’esondazione. Nel bacino lariano continua ad entrare molto meno acqua di quella che esce dalla chiuse di Olginate.

Sempre alle 19 di oggi la portata era 267,2 metri cubi d’acqua al secondo, contro i 495,4 di deflusso. Tendenza quindi in calo e riempimento del Lago di Como al 91,8%. I marciapiedi frontelago di piazza Cavour continuano a essere impraticabili. Basta una piccola onda per fare arrivare il lago ancora sulla carreggiata. L’unica corsia aperta per tutta la gioranta è stata così quella abitualmente riservata ai bus. Una precauzione necessaria anche per l’elevata presenza di detriti nelle acque del Primo bacino.

La riapertura totale potrebbe avvenire, come da programma di Palazzo Cernezzi, nelle prossime ore. Il lago, ricordiamo, aveva raggiunto la quota massima di 139 centimetri, dopo una crescita costante, fino a 2 centimetri all’ora, tra la giornata di mercoledì e giovedì. Mercoledì si sono vissute ore particolarmente drammatiche per il Lario, in particolare sulla sponda Lecchese, con l’alluvione a Premana, Primaluna e Dervio, interi paesi evacuati.

Tornando a Como, l’abbassamento dell’acqua aveva consentito già venerdì di riaprire una corsia di marcia, dopo che i tecnici di Aprica sono intervenuti per pulire la strada da detriti e materiale accumulati nella notte.
Qualche problema è stato causato anche per un tombino che ha ceduto facendo fuoriuscire l’acqua.

Oggi sono rimasti in vigore i provvedimenti dei giorni scorsi. Ovvero corsi preferenziali aperte e via libera alle auto lungo la Ztl sull’asse piazza Roma – via Cairoli per far scorrere il traffico in città. Domani, nel caso in cui non si verificassero imprevisti, il lungolago tornerà interamente percorribile da bus e auto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.