Il ministro Cassis: “Fiscalità dei frontalieri, Berna attende il nuovo governo italiano”
Politica

Il ministro Cassis: “Fiscalità dei frontalieri, Berna attende il nuovo governo italiano”

Per la ripresa dei negoziati con l’Italia sulla fiscalità dei frontalieri Berna attende che a Roma si formi il nuovo governo. Lo ha dichiarato il consigliere federale Ignazio Cassis durante l’incontro con i consiglieri di Stato del Canton Ticino che si è svolto giovedì a Bellinzona.

Cassis – ticinese figlio di italiani, suo padre era originario di Luino (Varese), la madre di Bergamo – dirige il Dipartimento federale degli Affari esteri e dunque è il ministro degli Esteri della Confederazione elvetica. E proprio i rapporti, spesso conflittuali, del Ticino con l’Italia e, in particolare, con la Lombardia, sono stati al centro del vertice di Cassis con i rappresentanti del governo di Bellinzona.

Secondo quanto riportato dal “Corriere del Ticino”, il consigliere federale ha ammesso che «con l’Italia abbiamo una situazione sicuramente non facile». La revisione dell’accordo sull’imposizione fiscale a carico dei frontalieri, ha dichiarato Cassis, «non troverà un suo compimento fino alla formazione di un nuovo governo a Roma». Sul rinnovo dell’intesa fiscale pesa anche la richiesta svizzera di ottenere da Roma libertà d’azione in Italia per gli operatori finanziari elvetici, ticinesi in particolare. Il presidente del governo di Bellinzona, Maurizio Bertoli, ha ricordato al ministro Cassis che il Ticino «auspica che si possa arrivare a una soluzione non penalizzante sull’accesso ai mercati finanziari italiani».

Infine, il tema delle chiusure notturne dei valichi di frontiera secondari, provvedimento adottato in via sperimentale dal governo ticinese per contrastare i raid della malavita proveniente dalla Lombardia. «La misura non ha avuto un impatto numerico sulla delinquenza», ha precisato Cassis. Il ministro ha poi annunciato che, d’intesa con il Dipartimento federale delle finanze, nelle prossime settimane proporrà al Consiglio federale un documento per decidere quali misure adottare sulla chiusura dei valichi.

In generale, l’obiettivo di Cassis, stando alle sue dichiarazioni riportate dal “Corriere del Ticino”, è quello di «riuscire a normalizzare e a rendere migliori i rapporti tra Ticino e Lombardia, e tra il Cantone e l’Italia, uscendo dal dramma psicologico nel quale viviamo da oltre dieci anni. Una situazione che non va bene tra vicini che hanno relazioni commerciali molto forti».

30 marzo 2018

Info Autore

Marcello Dubini

Marcello Dubini mdubini@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto