Il neopresidente di Confindustria Aram Manoukian: «Usciamo dal provincialismo»

conferenza stampa Confindustria Como. In foto il presidente Aram Manoukian

«Aprire» le imprese verso il territorio e, nello stesso tempo, «volare alto», rompendo «qualsiasi barriera, qualsiasi orticello, campanile, provincialismo».
Aram Manoukian inizia il suo mandato di presidente di Confindustria Como con un appello agli associati che tanto somiglia a una tirata d’orecchi alle istituzioni comasche.
Ieri mattina, presentando in conferenza stampa la sua “squadra” e le linee programmatiche del quadriennio di presidenza, Manoukian ha sunteggiato in «quattro parole chiave» gli obiettivi che intende raggiungere: «collaborazione, visione, anima e fiducia».
Secondo il patron della Lechler – colosso industriale nel campo delle vernici e dei prodotti chimici – «coinvolgere gli altri e lavorare assieme» sono i punti di partenza di ogni iniziativa che vuole avere successo. Per questo Manoukian immagina di muoversi in un «territorio senza confini», un luogo «aperto» dal quale partire alla conquista di nuovi traguardi.
«Dentro questo territorio noi dobbiamo rompere qualsiasi barriera, qualsiasi orto, campanile, provincialismo. Dobbiamo allenarci, nel nostro territorio ad avere una visione internazionale – ha aggiunto il neopresidente di Confindustria Como ai microfoni di Etv – quello che si dice “local” e “global”. Siamo abituati ad avere radici locali importanti ma ci serve nello stesso tempo una visione sempre aperta, internazionale».
Una quinta parola chiave è risuonata di continuo nelle considerazioni di Aram Manoukian: «cultura». Cultura d’impresa, cultura della sostenibilità – non solo ambientale. Cultura, in senso generale, come strumento per dare nuovo impulso alla società nel suo insieme ed evitare ciò che il numero uno di via Raimondi ha detto di aver notato già nei primi contatti avuti in questi primi giorni da presidente di Confindustria: ruggini, resistenze, parrocchie o cortili da difendere a tutti i costi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.