Il presidente della Lega Pro Ghirelli: «Grazie al Como e ai suoi tifosi». Azzurri, stop agli allenamenti

Logo calcio Como 1907

Allenamenti sospesi per il Calcio Como. La decisione è stata presa dalla società lariana, che ha bloccato le sedute agli ordini di mister Marco Banchini. Ad ogni giocatore è stato assegnato un programma di lavoro individuale. Il campionato è stato per ora fermato fino al prossimo 3 aprile, un blocco che riguarda tutto lo sport del nostro Paese.
Ieri, intanto, il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha voluto elogiare, in una nota, l’iniziativa del club lariano, che ha deciso di devolvere 100mila euro all’Ospedale Sant’Anna, al peri dei sostenitori azzurri che hanno rinunciato alle quote di abbonamento per le partite saltate.
«Mi fa piacere fare un plauso al Como Calcio – ha detto Ghirelli – per l’aiuto concreto al territorio con la donazione all’Ospedale cittadino Sant’Anna, che come tutti i nosocomi è impegnato nell’emergenza Coronavirus. Grazie al Como e grazie ai suoi tifosi per questo gesto comune di generosità».
Nel pomeriggio, poi, lo stesso Ghirelli è intervenuto ai microfoni dell’emittente Radio Sportiva per parlare di quello che potrà essere il destino del campionato di Lega Pro. Il presidente era reduce da un consiglio federale straordinario.
«Per quanto riguarda la Lega Pro – sono state le parole del massimo dirigente – Abbiamo ottenuto l’autorizzazione ad andare avanti fino al 29 giugno con il nostro campionato per eventualmente ricongiungere ciò che in questo momento è stato per forza di cose separato, con la sospensione delle partite, a causa dell’emergenza Coronavirus».
Ghirelli ha poi disegnato gli scenari. «Ci saranno promozioni e retrocessioni. Tutto dipende da quando si potrà ripartire. Se fosse valida la data del 5 aprile, tutto si potrebbe fare regolarmente, nel modo in cui è stato programmato, con l’attuale conformazione. Ma dobbiamo ragionare anche sul fatto che l’emergenza possa andare avanti. I nostri uffici stanno già ragionando su questa evenienza, con un ridisegno basato sul tempo che ci rimarrà».
La Lega Pro sta affrontando l’argomento con l’Associazione calciatori. «È in corso una trattativa per concedere ai giocatori una decina di giorni di ferie, per tutelare gli atleti nel caso si arrivasse ad una conclusione del torneo alla fine di giugno».
Lo stesso Ghirelli e la Federazione stanno agendo anche per dare una mano alle società: «Cercheremo di spostare una serie di adempimenti economici per dare ai club un po’ di respiro. Poi vedremo mese per mese, anche a seconda delle decisioni del Governo su questo fronte».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.