Il puma di Casnate non cade in trappola
Ambiente, Cronaca, Territorio

Il puma di Casnate non cade in trappola

Il felino di media grandezza, un caracal o un piccolo puma (secondo le stime della polizia provinciale, l’animale pesa tra i 15 e i 20 chili) non è caduto in trappola.

Il pesce morto e la gallinella viva, lasciati nelle due trappole posizionate sul terreno tra Casnate con Bernate e Senna Comasco non hanno attirato nella notte l’animale immortalato da un residente.

Tra Casnate, Senna, Cucciago e Albate non pare comunque esservi alcuna isteria. L’attenzione al momento è tutta per aiutare i cani della Valbasca, dopo l’incendio.

Il felino fotografato e filmato continua le sue scorribande indisturbato tra i campi. Anche qualora si trattasse di un puma, come sostiene la polizia provinciale, si tratterebbe di un piccolo esemplare o di un incrocio.

La taglia dell’animale è molto simile al caracal, o lince del deserto, felino asiatico che può pesare fino a 20 chilogrammi. Un animale che non attacca per primo l’uomo, ma che comunque va trattato con prudenza e cautela. In caso di avvistamenti è meglio non avvicinarsi e contattare subito il 1515.

Domani mattina il sindaco Fabio Bulgheroni incontrerà nuovamente la polizia provinciale per effettuare un sopralluogo nelle zone dell’avvistamento.

8 agosto 2018

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Il puma di Casnate non cade in trappola”

  1. In poche settimane mi sono spariti 6 gatti. Abito in via Giovio a pochi passi dal ristorante La Vetreria. Lucca Giorgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto