Il quadro dello Spagnoletto non è ignoto

Tre anni fa fu esposto in Pinacoteca

Il comunicato stampa che accompagnava la notizia della presentazione in Pinacoteca, venerdì 6 dicembre, di un quadro del pittore spagnolo Jusepe de Ribera detto lo Spagnoletto, affermava testualmente che tale dipinto, raffigurante sant’Anna con i genitori, è “un vero capo d’opera, ignoto alla critica”. Mi si consenta di precisare che il “capo d’opera” non può essere “ignoto alla critica” dato che è stato esposto col dovuto rilievo e la stessa attribuzione al maestro spagnolo nel maggio-giugno 2010, proprio nella stessa sala della Pinacoteca, in occasione della prima mostra sulla quadreria dell’ospedale Sant’Anna organizzata dalla Famiglia Comasca, con il contributo dell’ospedale Sant’Anna e della Fondazione della Comunità Comasca. I dipinti esposti, ed in particolare quello del De Ribera, erano stati restaurati dagli esperti dell’Accademia Galli su incarico della Famiglia Comasca: e furono insegnanti e allievi dell’Accademia a realizzare l’allestimento della mostra, visitata da molte persone, fra cui certamente qualche “critico” al quale fa cenno il comunicato comunale che poté esaminare da vicino il bellissimo dipinto intitolato “La famiglia della Vergine” e il riferimento d’autore allo Spagnoletto. Sono passati solo poco più di tre anni dalla mostra della quadreria in Pinacoteca. Possibile che l’istituzione non conservi memoria di questo evento, certo importante e significativo per la storia di Como?

Piercesare Bordoli – presidente Famiglia Comasca

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.