Il truffatore del cellulare aveva già colpito
Cronaca

Il truffatore del cellulare aveva già colpito

L’uomo denunciato si appostava a lato della strada, urtava lo specchietto dell’auto e chiedeva i danni. Altre vittime si sono presentate ai carabinieri in questi giorni

È un truffatore seriale il milanese di 46 anni scoperto e denunciato il 29 giugno scorso dai carabinieri della stazione di Como per la cosiddetta truffa dello specchietto o del falso incidente.
Dopo la notizia dell’intervento dei militari dell’Arma, altre vittime si sono fatte avanti per segnalare presunti raggiri. Sono almeno tre i casi contestati all’uomo.
L’uomo, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, colpiva sempre seguendo lo stesso copione. Si appostava sulla strada, fingeva di essere stato urtato da un’auto di passaggio e di aver rotto il cellulare nell’impatto.
In almeno tre casi, il milanese sarebbe riuscito nel raggiro, facendosi consegnare dalle vittime la somma di 250, 200 e 170 euro in contanti.
Dopo la prima denuncia, altre potenziali vittime si sono presentate dai carabinieri per segnalare possibili raggiri. Al momento, sono dunque tre i casi contestati al 46enne milanese. Le indagini dei carabinieri procedono e chiunque pensasse di potere essere incappato in una truffa di questo tipo è invitato a rivolgersi alle forze dell’ordine.
I militari dell’Arma rilanciano l’appello a prestare la massima attenzione per evitare di cadere in truffe di questo tipo, sempre più frequenti. Tra i copioni più utilizzati dai truffatori, i carabinieri ricordano quello del falso nipote, con la richiesta di denaro, al telefono o di persona, presentandosi soprattutto a persone anziane come un familiare o parente lontano che ha bisogno immediato di soldi oppure fingendo di dover consegnare un pacco ordinato da un figlio o nipote della vittima predestinata. Sempre più diffusi poi anche i tentativi di truffa messi in atto da finti funzionari di compagnie dell’acqua, dei telefoni o della rete elettrica ma anche da falsi carabinieri o sedicenti avvocati.
I militari dell’Arma mettono in guardia i cittadini e invitano a segnalare al 112 qualsiasi episodio sospetto.

14 luglio 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto