In casa ordigni esplosivi e colpi da mortaio. Un 39enne di Cermenate davanti al giudice

Tribunale Palazzo Giustizia Como

In casa aveva un vero e proprio campionario di ordigni esplosivi e fuochi d’artificio, tutti – secondo l’accusa – di fabbricazione artigianale. Un 39enne residente a Cermenate è finito davanti al giudice dell’udienza preliminare di Como, Andrea Giudici, in una udienza che tuttavia è stata poi rinviata a data da destinarsi per un impedimento della difesa. L’uomo era finito nei guai in seguito a una perquisizione effettuata nel 2018 (era l’11 luglio) dalla squadra Mobile di Milano. Nelle disponibilità del sospettato vennero trovati e recuperati 23 ordigni esplosivi di fattura artigianale, del peso di 50 grammi ognuno, e anche 5 colpi da mortaio da 200 grammi ciascuno, anche questi detenuti illegalmente in quanto occorreva una apposita licenza. Il fascicolo è stato coordinato dal pm Alessandra Bellù.
I colpi da mortaio, classificati come fuochi d’artificio della categoria F4, ovvero «che presentano un rischio potenziale elevato», erano materiale «destinato a essere usato esclusivamente da persone con conoscenze specialistiche». Invece il possessore di tali “botti” non aveva i requisiti. Per questo motivo l’uomo è finito nei guai, accusato anche di «fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti». La Procura di Como ha quindi chiesto al giudice dell’udienza preliminare di vagliare la richiesta di rinvio a giudizio. L’udienza si è tenuta ieri mattina in tribunale ma non ha portato al momento a nulla di concreto, in quanto la difesa aveva presentato un impedimento. Si tornerà pertanto in aula nelle prossime settimane per affrontare la questione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.