In manette i fornitori di droga dei minorenni ai Portici Plinio. Centinaia di clienti al giorno

altI numeri fanno spavento. Perché, stando alle indagini della squadra mobile di Como che indagava sul giro di marijuana tra i minorenni del centro città, lo spacciatore dei baby assuntori di droga (che poi ha pure lui 20 anni) riceveva un centinaio di chiamate al giorno dai clienti. Ragazzi di età compresa tra i 16 e i 20 anni.
È questo il quadro inquietante dell’operazione compiuta dagli uomini dell’antidroga della Questura, ancora più scoraggiante – se vogliamo – di quanto raccontato

fino a oggi. Perché questi numeri lasciano intendere una diffusione senza precedenti degli stupefacenti tra i giovanissimi. In manette, in seguito all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere chiesta dal pm Mariano Fadda, è finito un 20enne residente a Como, in via Di Vittorio. Un ragazzo originario del Ghana, ma dall’età di 6 anni in Italia.
Gli uomini della mobile sono risaliti a lui dopo una serie di indagini iniziate il 18 ottobre 2013 quando a Como Borghi vennero sorpresi minorenni in possesso di droga. Le prime “interviste”, poi via via approfondite, convergevano tutte su un 20enne straniero che forniva la droga dalla sua postazione dei Portici Plinio. E quel 20enne altro non era che il giovane per cui è stata chiesta l’ordinanza di custodia cautelare. Lo spaccio avveniva, come detto, in quella zona centralissima della città, anche se i clienti non disdegnavano di recarsi a domicilio dal 20enne per ritirare il proprio ordine. E le telefonate, come detto, arrivavano anche a superare le centinaia al giorno. Ma nel corso dell’operazione, la squadra mobile ha anche perquisito l’abitazione a Lurate Caccivio di un 26enne, sospettato di essere a sua volta il fornitore del 20enne. E, in effetti, gli agenti hanno rinvenuto un chilo e 200 grammi di marijuana, oltreche – in un armadietto – il materiale per poter essiccare le foglie di canapa indiana. L’accusa per tutti è ovviamente quella di detenzione di droga ai fini di spaccio.

M. Pv.

Nella foto:
La droga trovata dalla squadra mobile di Como a casa del 26enne che riforniva i baby spacciatori

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.