In provincia di Como ci sono 8mila giocatori patologici

altL’allarme dell’Asl
“Fate il nostro gioco”. Contro l’impennata dei casi di giocatori patologici, l’Asl mette in scena una conferenza-spettacolo che, partendo dalla matematica del gioco d’azzardo, prova a sensibilizzare e informare sul rischio che una normale attività ludica si trasformi in una vera e propria patologia.
«C’è una crescita esponenziale della spesa per il gioco e Como è la seconda città in assoluto in Italia, con 1.924 euro pro capite spesi nel 2012 – dice Carlo Alberto Tersalvi, direttore

sanitario dell’Asl di Como – Il gioco non è un problema in sé. Lo diventa quando crea dipendenza, investe quantità sempre maggiori di denaro e mette a rischio tutti gli aspetti della vita: famiglia, lavoro e salute».
Secondo i dati più recenti, a Como potrebbero esserci migliaia di persone a rischio.
«In provincia di Como potrebbero esserci da 5 a 15mila giocatori problematici e da 2 a 8mila patologici – dice Raffaela Olandese, direttore del dipartimento dipendenze dell’Asl – I nostri servizi di cura hanno preso in carico complessivamente 267 utenti ed è quindi evidente che la piaga è ancora in gran parte sommersa».
La conferenza spettacolo “Fate il nostro gioco” sarà messa in scienza lunedì 3 novembre alle 21 al cinema teatro Excelsior di Erba e il giorno successivo alla stessa ora a Como, nella Biblioteca comunale. La partecipazione è gratuita e l’invito è rivolto a tutti i cittadini. L’evento sarà presentato anche ai ragazzi delle scuole superiori a Olgiate Comasco, Mariano Comense ed Erba.

Anna Campaniello

Nella foto:
L’evento
La conferenza spettacolo “Fate il nostro gioco” sarà messa in scienza lunedì 3 novembre alle 21 al cinema teatro Excelsior di Erba e martedì 4 in Biblioteca a Como. Nella foto, Raffaela Olandese e Carlo Alberto Tersalvi (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.