In Svizzera l’epidemia corre a una velocità doppia rispetto all’Italia

Stabili i ricoverati in terapia intensiva

In Svizzera il Covid viaggia a una velocità doppia rispetto all’Italia. Oggi i casi segnalati sono stati 3.008, i ricoveri 53 e i morti 8.

«I dati giornalieri però dicono poco, dobbiamo soffermarci sul paragone con la settimana scorsa, quando le cifre erano grosso modo la metà di adesso – ha detto in conferenza stampa Stefan Kuster, responsabile per le malattie trasmissibili presso il ministero della Sanità di Berna – Nelle ultime due settimane il 14% dei tamponi è risultato positivo. Ogni persona malata al momento ne contagia circa 1,6. Si registra una curva esponenziale grosso doppia rispetto a quella che attualmente si segnala in Italia».

Gli ultimi dati ufficiali dell’Ufficio federale della sanità pubblica parlano di 1.845 vittime dall’inizio della pandemia. I test svolti per rilevare il Sars-Cov-2 nella Confederazione sono stati sin qui 1.646.512; il 5,9% è risultato positivo.

In Ticino oggi si sono registrati 137 nuovi casi (il totale sale a 4.654). Nelle ultime 24 ore non si sono registrati decessi per cui il bilancio delle vittime rimane fermo a 352. Nei Grigioni, invece, le nuove infezioni nelle ultime 24 ore sono state 21 (1.505 totali). I morti sono fermi da oltre quattro mesi a quota 50.

Intanto, sempre oggi, il dipartimento della Sanità e della Socialità del Cantone ha comunicato che altre due classi delle superiori ticinesi sono finite in quarantena a causa di contagi Covid. Le scuole coinvolte sono il Centro Professionale Tecnico (Cpt) di Lugano-Trevano e il Liceo di Bellinzona.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.