Incendiò uno chalet, chiesto il giudizio

palazzo di giustizia como

La Procura di Como, a firma del pubblico ministero Valentina Mondovì, ha chiesto il giudizio immediato per il 41enne italiano ma residente in Svizzera, disoccupato, arrestato dai carabinieri di Appiano Gentile con l’accusa di danneggiamento seguito da incendio. È accusato del rogo che distrusse uno Chalet in legno che l’uomo aveva comprato con la ex moglie in via del Bosco a Guanzate.
Fatto che risale al mese di gennaio di quest’anno.
Ora, toccherà alla difesa scegliere per eventuali riti alternativi. Secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma, il sospettato avrebbe prima controllato che in casa non ci fosse nessuno, poi con una bottiglia di alcol, fiammiferi e accendino, avrebbe innescato l’incendio. Alcuni testimoni tuttavia lo videro uscire dalla porta prima che si scatenasse l’inferno. E inoltre, ai carabinieri della stazione di Appiano Gentile, era apparso strano, fin dall’inizio, che l’uomo – che risultava essere il titolare della struttura assieme alla ex moglie – fosse rimasto sul posto a osservare quello che stava avvenendo.
Il rapporto stilato dai vigili del fuoco, che confermarono la matrice dolosa del rogo, chiuse infine il cerchio attorno al sospettato. Il 41enne fu così arrestato dai militari dell’Arma con l’accusa di danneggiamento seguito da incendio.
Le perquisizioni, che vennero effettuate poco dopo i fatti di Guanzate, permisero anche di ritrovare accendino, fiammiferi e soprattutto la bottiglia di alcol. Secondo le ricostruzioni, il movente del gesto sarebbe stato da ricercare nei dissidi dell’ex coppia nati dopo la separazione. Una situazione che era rimasta molto conflittuale. La moglie (insegnante in Svizzera) di 45 anni, non era presente nello chalet al momento dell’incendio.
L’intento infatti – secondo la tesi dei carabinieri – non era quello di fare del male alla donna, ma di distruggere quella casa in comproprietà.
L’accaduto era stato segnalato al pubblico ministero di turno in Procura a Como, la dottoressa Valentina Mondovì. Fascicolo che in queste ore è stato chiuso con la richiesta di giudizio immediato per l’ex marito.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.