India: continua protesta contadini, bloccheremo i treni

'Siamo noi i veri patrioti'

(ANSA) – NEW DELHI, 11 FEB – Un blocco di 4 ore di tutti i treni indiani il prossimo 18 febbraio è la più clamorosa tra la serie di iniziative annunciate dal Samyut Kisan Morcha, il fronte unito dei sindacati dei contadini, per coinvolgere l’intero paese nella protesta contro la riforma del commercio agrario. Il 12 febbraio i contadini si mobiliteranno per rendere libere dal pedaggio tutte le autostrade nello stato del Rajasthan, il 14 organizzeranno fiaccolate in tutto il paese per commemorare i martiri dell’attentato di Pulwama, che nel 2019 uccise in Kashmir 40 militari; il 16 ricorderanno la figura di Chhotu Ram, il leader agrario protagonista della lotta per l’Indipendenza. In un video sulla pagina Facebook dell’organizzazione Kisan Ekta Morcha, il presidente dell’organizzazione Vikas Sisar ha detto: "L’iniziativa di cui siamo più orgogliosi è la commemorazione dei martiri di Pulwama, che dimostrerà che i veri patrioti sono i contadini e i soldati". Ormai si è a un vero braccio ferro tra contadini e governo: i colloqui tra i leader dei contadini e i rappresentanti del governo sono sospesi, dopo essere giunti a un punto morto; il governo, la settimana scorsa, ha segregato gli accampamenti degli agricoltori che manifestano alle porte di Delhi, circondandoli con barriere metalliche, filo spinato, muri di cemento, e ha interrotto per ore il servizio internet. Il Premier Modi ha inoltre ripetuto tre giorni fa al Parlamento che se i contadini accettassero di verificare gli effetti della riforma, capirebbero di poterne trarre vantaggio. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.