di Adria Bartolich, Opinioni & Commenti

Insegnanti di sostegno, più corsi di formazione

di Adria Bartolich

Anche quest’anno, come al solito del resto, siamo alle prese con l’annoso e cronico problema della mancanza degli insegnanti di sostegno, cioè di coloro che dovrebbero aiutare gli alunni diversamente abili nel loro lavoro scolastico.

I  numeri sono davvero allarmanti. Ne mancano quasi 12.000 tra quelli necessari per coprire le esigenze e con una disparità di numeri impressionante tra le diverse aree del Paese. Mancano soprattutto al Nord, con punte di oltre il 95% in Piemonte – ma anche questa è una condizione che si ripete – dove è stato assegnato nemmeno il 5% dei posti; va meglio  al Centro, dove è coperto  oltre il 26% dei posti, e al Sud, con  quasi il 60%.

Dei quasi 14.000 insegnanti  assunti per l’anno scolastico in corso, ne  sono effettivamente entrati in ruolo  meno di  1.700.  Per coprire le necessità si è resa possibile la conferma dei supplenti dello scorso anno, una sorta di valutazione dell’esperienza acquisita e una giusta  attenzione alla continuità didattica, tema delicato soprattutto per i ragazzi che hanno più difficoltà. Però sappiamo anche che  praticamente mai i supplenti sono in possesso di un titolo di specializzazione.

Il segmento più sofferente è quello della scuola secondaria di primo grado (cioè le medie)  dove  aumentano le certificazioni di disabilità, e quindi  la necessità di docenti di sostegno, ma che pochi docenti scelgono confermando  l’impressione, ma anche i dati ormai ufficiali, che la scuola media sia la parte più sofferente del nostro intero sistema scolastico. Molti posti scoperti anche alla scuola primaria e alle superiori.

Resta un fatto particolarmente grave che non si riesca a garantire un servizio con insegnanti abilitati, soprattutto nella scuola dell’obbligo.

Da cosa dipende questa carenza cronica? Certamente dal fatto che le università predispongano corsi per l’abilitazione rari ed estremamente selettivi, con un numero altissimo di bocciati ad ogni corso; ma anche dal fatto che le università preposte siano poche e non abbiano un obbligo preciso con cui cadenzare i corsi abilitanti.

Questa è soprattutto una responsabilità del ministero il cui acronimo è MIUR, cioè Ministero Istruzione, Università e Ricerca, il quale avrebbe il compito, essendo sempre una sua competenza, anche di obbligare gli atenei  a rispettare delle scadenze che permettano di fare funzionare le scuole.

In realtà le università che attivano i corsi, non si sa perché, sono poche, e lo fanno  con l’atteggiamento di chi si è tirato in casa una rogna.

In attesa che il ministero provveda a rivedere le convenzioni con le università in modo da garantire la formazione di insegnanti, e che si predispongano piani di assunzione che tengano conto in primo luogo delle necessità degli alunni, è quanto mai necessario che gli ex  Provveditorati  agli studi predispongano corsi di formazione base per coloro che sono senza titolo.

22 settembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto