Cronaca, Politica, Territorio

Interrogazione parlamentare sul Casinò di Campione. Braga, Pd: «Subito l’intervento del governo»

Gli striscioni di protesta appesi dai dipendenti del Casinò di Campione d'Italia
Gli striscioni di protesta appesi dai dipendenti del Casinò di Campione d’Italia

«La situazione di Campione d’Italia richiede un’assunzione di responsabilità da parte di tutte le istituzioni. Mi ha stupito leggere nei giorni scorsi lo scarno e “pilatesco” comunicato del sottosegretario Nicola Molteni, ma non voglio fare polemica. Penso che su una questione così preoccupante, come il rischio della perdita del posto di lavoro per oltre 600 persone, e così complicata, come il destino della Casa da Gioco di Campione, sia indispensabile lavorare a tutti i livelli per individuare una via d’uscita che metta al primo posto la salvaguardia dell’occupazione». Lo ha detto oggi la deputata comasca del Partito Democratico, Chiara Braga firmataria di un’interrogazione urgente presentata ai due vicepresidenti del Consiglio Matteo Salvini e Luigi Di Maio, rispettivamente ministro dell’Interno e ministro del Lavoro, competenti per materia.

Nell’interrogazione Braga chiede di «convocare al più presto un tavolo di confronto e di trattativa con tutti i soggetti coinvolti, compresi i rappresentanti dei lavoratori, per affrontare l’emergenza occupazionale e valutare ogni possibile soluzione per consentire la continuità dell’attività della casa da Gioco. È nota a tutti la particolarità della situazione di Campione e certamente la soluzione di un problema così complesso non è semplice; ma i 492 lavoratori del Casinò, oltre ai lavoratori dell’indotto, che rischiano di perdere il posto di lavoro, i 102 dipendenti del Comune che da febbraio non percepiscono lo stipendio, i dipendenti della scuola materna già licenziati e l’impossibilità di erogare un servizio fondamentale alle famiglie dal prossimo mese di settembre, ci dimostrano che siamo in presenza di una crisi di sistema e l’impatto sociale, oltre che occupazionale, di questa condizione merita la massima attenzione anche da parte del governo nazionale».

La deputata del Partito Democratico si augura che la sua richiesta «trovi orecchie attente nel governo, a partire dal sottosegretario Molteni che conosce bene la situazione di Campione e proprio per la sua responsabilità nel ministero dell’Interno, titolare del rilascio della concessione dei giochi, potrà facilmente farsi promotore di un tavolo interministeriale».

 

 

3 agosto 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto