La Como Nuoto conquista la salvezza. Ma il presidente è deluso per l’andamento del campionato

Como Nuoto

Un sospiro di sollievo per la Como Nuoto, che ha chiuso la sua stagione con la salvezza, in un ultimo turno che per la formazione lariana poteva essere sfavorevole, con la condanna ai playout per i biancoazzurri.
La regular season si è chiusa con la vittoria contro Torino per 11-10 e il quartultimo posto in classifica che significa, appunto, salvezza diretta. Un exploit conquistato con il Torino secondo in classifica, al termine di una gara rocambolesca. Ma alla fine è stata festa, con la certezza di poter partecipare al prossimo torneo di serie A2 di pallanuoto.
Contento per il risultato di ieri il presidente Mario Bulgheroni, molto meno per come è andata la stagione. «In questa partita ci è capitato un po’ di tutto – sostiene il massimo dirigente – e il dato più bello e che il successo è arrivato grazie ai nostri giovani, ai ragazzi cresciuti nella Como Nuoto, che magari fino ad ora avevano avuto un po’ meno spazio».
E poi il riferimento ai loro colleghi sulla carta più accreditati. «Evidentemente il fatto di essere meno esperti li ha fatti giocare di squadra, senza cercare inutili spunti da solista» aggiunge il presidente.
Ma non manca la delusione: «Ci siamo salvati all’ultimo turno, ma la classifica, con il gruppo che avevamo costruito, doveva e poteva essere più decente. Le premesse di questo campionato erano differenti. Non posso dirmi soddisfatto nell’analizzare la situazione nel suo complesso».
Ma per Bulgheroni e la Como Nuoto c’è un nuovo traguardo da raggiungere. Oggi a Padova, nell’ultima giornata di A2 donne, le “Rane rosa” si giocano il pass per i playoff. «Ammiro le nostre ragazze – conclude il presidente – Sono umili, entusiaste e mettono grande impegno».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.