La didattica on line acuisce le disparità

opinioni e commenti di adria bartolich

di Adria Bartolich

Il virus ha cambiato il nostro tempo interrompendo il flusso  nevrotico  delle vite in continuo movimento, senza spazio per il  vuoto o il silenzio. Ci costringe a riorganizzare l’esistenza, il lavoro, il tempo libero, fermandoci. Certo rimanendo  interconnessi, almeno la maggioranza di noi lo è, ma come se fossimo delle monadi.

È un fatto, però, che la stragrande maggioranza del lavoro moderno è invece  di relazione  e in relazione. Più che mai lo è nelle scuole, dove il rapporto docente-allievo è essenziale per  la trasmissione della conoscenza, per l’apprendimento  e per l’impronta educativa. Senza mitizzare e senza visioni romantiche. Vicinanza, contatto, rapporto possono benissimo  sopportare un’interruzione, anche se non breve, e rimanere comunque  positivi ed efficaci.

Le scuole hanno avviato forme più o meno sperimentali di didattica a distanza. I primi a farlo sono stati gli istituti tecnici e professionali, sono attrezzati e hanno personale  con formazioni  specifiche  per l’uso delle tecnologie e i ragazzi sono orientati a utilizzarle.

Ormai la generalità delle scuole ha predisposto piattaforme per  la didattica on line più o meno efficaci. Com’è ovvio l’obiettivo è quello di non fare perdere lezioni  e tenere i ragazzi impegnati comunque  sotto il profilo scolastico. La scuola continua nonostante il virus, e questo è  bene. È un segnale di attenzione  nei confronti delle famiglie e degli alunni.

L’applicazione  dello smart working non può essere, però, che difforme. Se nelle scuole superiori e nelle università il rapporto relazionale  perde via via di centralità e significato,  negli ordini di scuola che più si avvicinano all’età dell’infanzia, invece, continua a essere un elemento preponderante. Non solo. Sappiamo bene che la didattica on line con i bambini più piccoli presuppone la presenza di genitori con alfabetizzazione informatica e un Pc o un tablet a disposizione. In altre parole, alla relazione insegnante -alunno si sostituisce quella, a supporto, di un altro adulto.

Qui cominciano a sorgere i primi problemi. Se i genitori lavorano perché la chiusura non ha riguardato le loro aziende, sarà verosimilmente uno dei nonni, il quale non sempre è in grado di utilizzare un computer. L’ Italia – terzultima tra i Paesi analizzati – secondo i dati dell’Ocse ha solo  il 21% degli individui di età compresa tra 16 e 65 anni con  un buon livello di competenza informatica.  Sopra i 65  ancor meno. Spesso l’uso dell’informatica si limita al cellulare, ai social e a Internet.

Questo periodo di stand by  rischia di acuire le distanze tra i ragazzi che sono già supportati dall’ambiente sociale di provenienza e gli altri, quelli con più difficoltà e meno aiuti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.