La festa del Pd porta a Como i big del partito

altL’evento Presentata ieri in una conferenza stampa la kermesse regionale che si terrà a partire da domani a Cantù
Savina Marelli: «Ma la base in questo momento appare disorientata»

Cantù diventa il palcoscenico della festa regionale del Partito Democratico. L’appuntamento annuale del Pd di Como è stato scelto quest’anno come punto di riferimento di tutta la Lombardia.
Tra gli ospiti più attesi, il segretario nazionale Guglielmo Epifani e il ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge.
La festa provinciale e regionale inizierà domani alle 18.30 e proseguirà fino al 30 luglio. «A livello lombardo quest’anno è stata scelta Como quale sede per la festa regionale – ha detto ieri in una

conferenza stampa la segretaria provinciale del Pd, Savina Marelli – È un importante segno di riconoscimento per l’attività svolta e una considerevole opportunità, tanto più in un momento determinante per il futuro del Pd».
La scelta della sede della festa, come da tradizione, è caduta sul Parco del Bersagliere, a Cantù. «In passato avevamo provato a chiedere Sant’Abbondio per organizzare l’evento a Como ma non ci era stato concesso – ha detto Marelli – Ora che il Pd è in maggioranza non abbiamo ripetuto la domanda perché comunque abbiamo preferito restare in un ambiente ormai diventato punto di riferimento».
Collaudata anche la formula: dibattiti sui temi di stretta attualità, musica e l’immancabile cucina.
«L’organizzazione è complessa ed è resa possibile soltanto da oltre cento militanti che prestano il loro servizio volontariamente – ha detto la dirigente Pd – Viviamo una stagione difficile e complicata. Sembrano prevalere anche tra i tesserati del Pd il disorientamento e la delusione. In momenti come questi, però, è ancora più importante rafforzare lo spirito di partecipazione e condivisione. Per il partito, oltre che un momento di confronto fondamentale la festa è anche una fonte di autofinanziamento».
La scelta di trasformare la festa provinciale in regionale porterà a Cantù, oltre che un numero maggiore di partecipanti, anche ospiti di rilevanza nazionale. Tra i momenti clou dell’evento, l’arrivo, il 25 luglio alle 21, del segretario nazionale del Pd, Guglielmo Epifani.
Il leader affronterà il tema: L’Italia vale: le risposte del Pd oltre la crisi. A fianco del segretario ci sarà il coordinatore regionale, Alessandro Alfieri. Lunedì 29, sempre in serata, a partire dalle 20 sarà la volta del ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge.
Domani, per l’apertura, compatibilmente con gli impegni parlamentari, saranno presenti i deputati comaschi Chiara Braga e Mauro Guerra, che parteciperanno poi anche ad altri dibattiti durante la settimana.
«Affronteremo tematiche come l’Europa o l’integrazione, che vanno oltre la stretta attualità – ha aggiunto Savina Marelli – Inevitabilmente, però, ci sarà spazio anche per fare il punto sulla situazione odierna che vede il Pd impegnato a sostenere questo governo delle larghe intese, una situazione che comporta inevitabili fattori di criticità. La presenza anche dei massimi esponenti del partito a livello nazionale sarà un’occasione fondamentale di confronto e di approfondimento delle principali problematiche attuali».

Nella foto:
Il segretario nazionale del Pd, Guglielmo Epifani, sarà a Cantù giovedì 25. Il ministro Kyenge, invece, lunedì 29 luglio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.