di Lorenzo Morandotti, Opinioni & Commenti

La prova del nove per la cultura lariana

di Lorenzo Morandotti

La passione predominante della cultura lariana, sia nel pubblico che nel privato, pare sia soffocare i progetti nella culla per mancanza di ossigeno o deprimere la voglia di fare evitando  (con rare eccezioni virtuose) di mettersi in rete. Quello che  perdura è  frutto di una spietata selezione naturale, dove è sempre più difficile mantenere la continuità. Ben vengano allora manifestazioni coraggiose e di lunga durata come la mostra di arte tessile “Miniartextil” che vede il traguardo del trentennale, e azioni diffuse come “StreetScape”, con  una decina di artisti  nelle piazze e nei cortili della città, dal 13 ottobre al 18 novembre  (via il 12 ottobre alle 18 nella Pinacoteca Civica di Palazzo Volpi in via Diaz 84, curatori Chiara Canali e Ivan Quaroni).

Vedremo se un anniversario tondo come il cinquantenario di “Campo urbano” nel 2019 mobiliterà coralmente le forze o sottoporrà lo solito spettacolo di eventi in ordine sparso, equivalenti a energie sprecate. Trascurando  i non pochi  documenti disponibili, si potrebbe  pensare che l’evento di mezzo secolo fa fosse per pochi iniziati, un rito esoterico volto a scioccare il  borghese (e le polemiche che ne seguirono perpetuarono tale mantra). Ma fu esattamente il contrario, un rito sì ma liberatorio, e pertanto sarebbe quasi sacrilego  inscatolare  in una museificazione documentaria o filologica ciò che all’epoca significò per gli artisti uscire dalle accademie e  dai musei per dialogare con la gente. E qui appunto sta la sfida, al di là del minimo  o medio cabotaggio che può esprimere la cultura locale: rispetto a mezzo secolo fa tutto è cambiato, e non solo nel mondo dell’arte; è cambiata nel profondo anche la città. Una manifestazione celebrativa dovrebbe pertanto, nel pieno rispetto dello spirito originale, funzionare a sua volta come  punto di riferimento per le ricerche delle nuove generazioni in campo artistico, specie per quelle interessate a interrogarsi sull’identità profonda del territorio.  Dove oltre ai centri storici da rivitalizzare (e non parlo di mercatini e luminarie) ci sono tante aree dismesse – tutto il comparto dell’ex Ticosa, ma ci sono tante zone morte –  che potrebbero essere laboratori attivi per la creatività. Dove chiamare a lavorare gli Ico Parisi e gli Enrico Baj di oggi, tanto per citare due  indimenticati geni che

lasciarono il segno a “Campo Urbano”. Allora molti comaschi reagirono in modo ostile, ma qualcuno comprese che si scriveva una pagina nuova. Sarà ancora così?

12 ottobre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto