La tragedia di Carbonate: autopsia sul corpo del 32enne motociclista

Tribunale di Como

La ragazza al volante della Toyota Yaris coinvolta mercoledì pomeriggio nell’incidente mortale di Carbonate, dove a perdere la vita è stato un motociclista di 32 anni di Saronno, non aveva fatto uso di stupefacenti e nemmeno aveva assunto alcol prima di mettersi alla guida.

È questo il primo risultato delle indagini che i carabinieri della stazione di Mozzate hanno avviato per fare luce su quanto avvenuto alle 18 della sera del 2 giugno tra via Varesina e via Damiano Chiesa. L’autovettura e la moto sono state poste sotto sequestro dalla procura di Como e il pm ha anche disposto l’autopsia sul corpo della giovane vittima.

L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola oggi, venerdì 4 giugno

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.