Landriscina: «Non cedo alle speculazioni di carattere politico»

Mario Landriscina

«I tentativi di speculazione politica non faranno bene innanzitutto a chi li porta avanti, visto che renderanno ancora più divisiva la città». Mario Landriscina avrebbe sicuramente fatto a meno di questa ennesima polemica sui senzatetto. Memore anche di quanto accaduto un paio d’anni fa, quando Como finì su tutte le prime pagine dei giornali per il “blitz” della polizia locale contro i volontari che portavano un bicchiere di latte caldo ai disperati di San Francesco.

Ma il “caso” Corengia è ormai deflagrato e il sindaco del capoluogo lariano non si sottrae a una riflessione politica, anticipando al Corriere di Como «quanto vorrei dire in consiglio comunale a proposito di ciò che sta succedendo. Da parte mia – spiega Landriscina – non posso che confermare le ragioni e l’utilità dell’intervento di sanificazione che viene compiuto regolarmente sotto i portici di San Francesco. Vorrei anche contestare l’interpretazione che è stata data dei fatti ripresi dal video di Cominciamo da Como. La credibilità dell’assessore Corengia è data dalla sua storia personale. Non c’è stato alcun gesto violento. I tentativi di speculazione politica non porteranno bene innanzitutto a chi vuole sfruttarli a suo favore, visto che renderanno ancora più divisiva la città. E comunque, chiederò a tutti una riflessione sulla responsabilità che ciascuno deve necessariamente assumersi nel trovare soluzioni credibili al problema dei senzatetto. Richiamerò anche le parole pronunciate dal vescovo pochi giorni fa: tutti devono farsi carico delle questioni aperte». Perché, conclude il sindaco, «servono contributi a favore di chi opera nel settore prendendosi cura delle persone senza documenti che il Comune, purtroppo, non può assistere».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.