L’annuncio di Fermi: vertice sui frontalieri con il Gran Consiglio in autunno a Como

Da sinistra: il console svizzero Felix Baumann e il presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi

I problemi dei frontalieri e i rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica saranno oggetto di un vertice con il Gran Consiglio (Parlamento) del Canton Ticino che si terrà all’inizio dell’autunno a Como e che fa seguito al vertice che si è svolto a Bellinzona lo scorso 29 marzo 2017. Lo ha annunciato ieri il presidente del consiglio regionale, Alessandro Fermi, durante l’incontro a Palazzo Pirelli con  il console generale della Svizzera a Milano, Felix Baumann. «Sarà un’occasione di confronto utile per approfondire le problematiche dei frontalieri e fare il punto sui progetti e le opportunità di cooperazione transfrontaliera», ha detto Fermi. «Ho fatto presente al console – ha aggiunto il presidente del consiglio regionale – che stiamo mettendo in campo ogni iniziativa utile nei confronti della Confederazione Elvetica a tutela dei nostri cittadini e dei Comuni italiani per mantenere in vigore le condizioni contenute nell’Accordo del 1974 e abbiamo chiesto formalmente al Governo del Canton Ticino una presa di posizione chiara e rispettosa dei patti in vigore». L’accordo tuttora vigente destina ai Comuni lombardi di confine i ristorni dei lavoratori frontalieri a titolo di compensazione delle spese sostenute dagli oltre 60mila lavoratori italiani che ogni giorno vanno a lavorare nel territorio elvetico.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.