L’antilingua non tramonta mai

Dario Campione editoriali e opinioni banner

di Dario Campione

La bibliografia sul burocratese è vastissima. Ma si può riassumere nella famosa e citatissima definizione di Italo Calvino: l’antilingua.

Quando lo Stato, e i suoi funzionari, non sanno che dire o non vogliono dire, allora si catapultano con incoscienza e sprezzo del ridicolo nell’antilingua. L’iperbole del nulla. Il magnificat ossessivo delle parole che sembrano pesanti come le pietre ma sono leggere e vuote come l’aria. Ovviamente fritta.

Un esempio concreto? In questi giorni, il Corriere di Como si occupa delle case sfitte di proprietà dell’Inps. A una mail di chiarimenti inviata alla direzione centrale del patrimonio dell’ente previdenziale, la stessa Inps ha risposto calando l’asso del suo linguaggio-catenaccio.

Leggere per credere: «Solo con l’approvazione dell’art.38 comma 2 del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito nella legge 21 giugno 2017, n. 96, è stato possibile riavviare le attività finalizzate alla completa dismissione del patrimonio immobiliare dell’Inps non destinato a finalità strumentali. A tal fine sono stati adottati e approvati i piani pluriennali di disinvestimento previsti dalla legge per regolare la dismissione».

Vendere è un verbo che tutti capiscono, ma l’Inps lo ignora. Disinvestire o dismettere è più chic. Peccato che nessuno dei due predicati voglia dire ciò che in realtà dovrebbe. Si dismettono (forse) gli abiti e si disinvestono le azioni. Le case si vendono. Punto. Sorvoliamo poi su articoli e commi di un decreto che nessuno, giustamente, conosce né è tenuto a conoscere. Che cosa sia scritto nella legge ciascuno deve scoprirlo da solo. Alla faccia della trasparenza.

I canoni dell’antilingua sono rigidi. Ma non insuperabili. La comicità involontaria batte tutti. Come dimostra questo comunicato, diffuso ieri da Trenord: «In merito all’articolo “Pendolari esasperati. Ritardo superiore al tragitto” precisiamo che il ritardo del treno TiLo 25526 (Milano Centrale 17.10 – Erstfeld 20.24), ieri non è stato dovuto né a mancanza di personale, né ai “noti problemi all’interfono”, bensì – secondo informazioni certificate da TiLo – a un guasto temporaneo al sistema di diffusione sonora».

Traduzione: stasera non si mangia la solita zuppa. In tavola arriva finalmente il pan bagnato. Speriamo senza troppo ritardo sulla tabella di marcia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.