L’appello del sindaco di Como: «Tenete i termosifoni spenti»

È scattata lunedì la possibilità di accendere i riscaldamenti. Viste le temperature miti, però, sulla scia dell’appello lanciato dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, anche il primo cittadino di Como Mario Landriscina ha deciso di tenere spenti i riscaldamenti negli edifici comunali almeno per questa settimana.

«Fanno eccezione asili nido, scuole materne, elementari, strutture e case comunali con utenza protetta», si legge in una nota diffusa da Palazzo Cernezzi. «Il sindaco, in accordo con gli assessori Marco Galli e Vincenzo Bella – prosegue il comunicato – fa appello alla cittadinanza per un uso misurato del riscaldamento che tenga conto anche dell’inquinamento atmosferico e della tutela della salute di tutti».

Intanto anche a Como il dato delle polveri sottili (Pm10) sta salendo. La centralina di Arpa Lombardia posizionata in centro città ha segnato ieri un livello di polveri sottili pari a 44 microgrammi al metro cubo, il più alto registrato in provincia. A Cantù si arriva a quota 41, a Erba a quota 37. Proseguono le limitazioni alla circolazione in vigore dal 1° ottobre. In garage anche gli Euro 3 Diesel. Euro 0 benzina ed Euro 1 e 2 Diesel erano già inclusi nel provvedimento. Non possono circolare dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 19.30 fino al 31 marzo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.