Sport

Lario, celebrazione olimpica. Festeggiato un 2018 entrato nella storia

Nove titoli internazionali e seti italiani, con la gioia della vittoria alle Olimpiadi giovanili di Nicolas Castelnovo e ai Mondiali Under 23 di Arianna Noseda. E poi le tante convocazioni in azzurro, ad ogni livello, e il terzo posto al Festival dei Giovani, un evento a cui il presidente Leo Bernasconi tiene molto.
È questo, in estrema sintesi, il bilancio della Canottieri Lario per la stagione 2018. Un anno decisamente positivo, celebrato nel corso della tradizionale cena del club nella sede di viale Puecher, a cui hanno partecipato 200 tra ospiti, atleti e soci del sodalizio remiero.
Una serata caratterizzata sia dagli applausi per gli atleti che si sono distinti ad ogni livello, sia per gli iscritti che hanno festeggiato anniversari di rilievo: speciali riconoscimenti sono andati a Luigia Spinelli, socia dal 1948, a Lietta Cernuschi (dal 1958) e a Paolo Cortelazzo (dal 1968).
Talmente tanti i trionfi, che al momento della passerella degli atleti, ci si è dovuto limitare alle citazioni dei trofei di livello internazionale.
Una sede della Canottieri Lario che presentava una nuova targa, sulla parete che riassume le vittorie degli atleti. «Ovviamente l’abbiamo posta con grande piacere – sostiene il presidente Bernasconi – ed è quella che ricorda la vittoria di Nicolas Castelnovo alle Olimpiadi giovanili».
Di fatto, è bene sottolinearlo, è un oro che vale come quelli dei Giochi assoluti, anche se in Italia, all’epoca era giunto un po’ in sordina. E fu proprio il numero uno della Federazione Giuseppe Abbagnale, in una chiamata di complimenti a Bernasconi, quanto fosse importante quella vittoria.
Lo scorso 10 ottobre a Buenos Aires (Argentina) il “Due senza maschile” con Nicolas Castelnovo e il piemontese Alberto Zamariola  conquistò la prima medaglia d’oro per il canottaggio italiano ai Giochi giovanili. Un exploit storico per la Lario e per l’Italia.
E Castelnovo, classe 2000, giustamente, alla cena ha raccolto una bella dose di applausi, al pari della 21enne Arianna Noseda, che nel 2018 ha vestito la maglia azzurra della Nazionale A, universitaria e Under 23. E proprio con l’Under 23 la comasca ha fatto suo l’oro mondiale di categoria nel “Quattro di coppia pesi leggeri femminile” in Polonia.
Una “quota rosa”, quella della Lario, che a livello di risultati, consolida una lunga tradizione: oggi il testimone, oltre che dalla stessa Noseda, è stato raccolto da Aisha Rocek, Giorgia Pelacchi, Caterina Di Fonzo, Greta Parravicini e Nicole Sala.
Una squadra compatta la cui preparazione è seguita dal direttore tecnico Stefano Fraquelli e dal suo staff.
Un 2018 in cui la Lario è stata anche motore di importanti eventi in città: il match-race nel primo bacino nel mese di maggio, l’evento “Remare senz’acqua” sui remoergometri in settembre (in collaborazione con la Canottieri Moltrasio) e il Trofeo Villa d’Este, proposto all’inizio di ottobre. Eventi-show che hanno avuto il merito di avvicinare allo spettacolo del canottaggio anche tanti non appassionati e “profani” di questo sport.

3 Dicembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto