L’assessore Livia Cioffi: «Siamo pronti a ripartire»

l'assessore Livia Cioffi

Archiviata l’estate a Como senza eventi, il Comune pensa al rilancio

L’anomala estate a Como, senza eventi culturali di rilievo, ha suscitato perplessità e critiche. Se è pur vero che è mancato il turismo straniero, i molti che sono rimasti in città e i turisti italiani che hanno visitato Como hanno trovato il lago e nulla più.
Livia Cioffi, nuovo assessore alla Cultura, al Turismo e agli Eventi del Comune di Como, non se la sente di recriminare: «Era davvero difficile programmare nell’emergenza Covid, io ho fatto le vacanze “da critico” e ho visto situazioni analoghe in diverse città; quello che ho appurato è che, come a Como, si è data l’opportunità a commercianti e operatori di utilizzare gli spazi pubblici; non è per difendere la collega che mi ha preceduto, ma il bando per gli eventi era pronto a marzo, poi tutto si è fermato. Di più credo non si potesse fare».
Ma l’assessorato ora pare sia pronto a recuperare: «In maggio e giugno un po’ di cose si sono arenate per il passaggio di cariche – spiega Livia Cioffi – stiamo cercando di rilanciare le attività programmate e di dare un’accelerata. Certo, la struttura del Comune di Como è particolarmente complessa e le varie “fughe” di dirigenti non hanno aiutato, ci sono molti fronti sui cui lavorare, ma ora che i dipendenti sono rientrati in ufficio tante cose le stiamo sbloccando, siamo pronti a ripartire».
«Ora è tutto più semplice, sappiamo già come muoverci e tutti quegli eventi bloccati per il Covid sono pianificati per settembre e ottobre – anticipa l’assessore – ci saranno le mostre il cui patrocinio è stato già dato, ma non tutti gli spazi saranno subito aperti, contiamo entro fine 2020 inizio 2021 di renderli tutti disponibili. L’ufficio lavori pubblici sta lavorando per questo e le problematiche pregresse sono state risolte, attendiamo poi i fondi regionali per il rilancio».
L’assessore Cioffi anticipa poi le iniziative del Natale. «Non mi ha stupito che nessuno abbia partecipato al bando per gli eventi natalizi – dice – ma la prossima settimana ci riuniremo per preparare il bando cultura-turismo e il bando per le luminarie. La Fondazione Volta si occuperà della parte ludica, per quanto riguarda le altre manifestazioni, appena terminata Parolario a Villa Olmo ci sarà “Miniartextil” e verrà utilizzato anche lo spazio del mercato coperto».
«L’indirizzo dell’amministrazione – conclude l’assessore Cioffi – è evitare assembramenti, ma non ci dimentichiamo della città turistica, pur con tutte le dovute cautele».
«Il faro della cultura a Como è spento, se non ci fossero iniziative di associazioni e di singoli ci sarebbe il vuoto quasi completo – è l’amara constatazione di Luigi Cavadini, ex assessore alla Cultura del Comune di Como – Il vuoto di eventi e di mostre è da vedere, tutto è fermo, soprattutto la fruizione degli spazi che hanno problematiche: devono essere al più presto affrontate, il Covid non ha fatto che esasperare la situazione esistente».
«Il rischio poi – avverte l’ex assessore – è che il virus divenga un alibi per uno stallo della vita culturale, è necessario riprendere i contatti con le associazioni, lavorare per una cultura che non sia il singolo frammento ma un progetto da costruire assieme».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.