Le emozioni con il ciclismo non sono finite. In autunno torna il “Lombardia”. In luglio passa il Giro Rosa-Iccrea

Ciclismo, Giro di Lombardia 2018

Un anno di grandi eventi ciclistici sul Lario. Il Giro d’Italia si è preso la parte da protagonista, anche per il suo ritorno in città dopo 32 anni, ma il programma di questo 2019 nel suo complesso è di alto livello.
Il Lombardia
Nel panorama spicca il “Lombardia”, la classica di fine stagione che ancora una volta, sabato 12 ottobre, vedrà il suo epilogo in piazza Cavour.
Non c’è ancora l’ufficialità, ma il fatto che per il terzo anno consecutivo l’arrivo sia a Como è praticamente una certezza.
Torna dunque il finale più amato da corridori e addetti ai lavori, probabilmente anche con la salita della Valfresca, ora che la strada è stata riaperta dopo la chiusura per lungo tempo a causa di una frana. Da stabilire la partenza, che probabilmente sarà a Bergamo, considerati anche i buoni rapporti tra le organizzazioni locali, ma qualcosa di più sicuro si saprà dopo le elezioni nella città orobica.
Gran fondo il Lombardia
Domenica 13 ottobre la “Gran Fondo il Lombardia” partirà e arriverà a Cantù. La scelta della “città del mobile” per l’evento riservato agli Amatori ha peraltro dato il via libera al “Lombardia” a Como.
Una manifestazione come la “Gran Fondo” incide infatti molto su traffico e viabilità e nel capoluogo non mancava a livello di amministrazione qualche perplessità. Lo spostamento in Brianza ha convinto anche i più scettici con una equa ripartizione del carico degli eventi tra Como e Cantù. Una idea che è stata proposta dell’associazione CentoCantù, capitanata da Paolo Frigerio, suggeritore del tracciato alternativo. Una soluzione che va a sgravare la città e che valorizza la Brianza e i suoi impegnativi percorsi.
Dopo aver lasciato Cantù, i concorrenti passeranno per il Triangolo Lariano, scalando il Colle del Ghisallo e il Muro di Sormano per poi tornare a Cantù. Un tracciato di 109,3 chilometri (111,6 senza il Muro di Sormano) e 1.700 metri di dislivello. Le iscrizioni si sono appena aperte da pochi giorni con le informazioni che si possono trovare sul sito Internet http://gfilombardia.it.
Giro rosa-Iccrea
Cento chilometri esatti; partenza da Lissone e arrivo a Carate Brianza, con un lungo tratto nel Comasco. La data? Lunedì 8 luglio. Sarà questa la tappa del Giro Rosa-Iccrea 2019 che toccherà la provincia lariana. Si tratta della quarta frazione della corsa che scatterà il 5 luglio con la cronometro a squadre Cassano Spinola-Castellania, in omaggio a Fausto Coppi nelle sue terre. La conclusione il giorno 14 in Friuli con la San Vito al Tagliamento-Udine. La competizione è alla sua trentesima edizione e prevede dieci tappe per un totale di 920,4 chilometri tra Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia Giulia.
La tappa che toccherà il Comasco scatterà da Lissone, poi attraverserà Seregno, Mariano Comense, Cantù, Senna, Montorfano, Alzate, Monguzzo per poi dirigersi verso la Brianza lecchese e il traguardo finale di Carate.
Le altre gare
A livello giovanile, al Lario è stato assegnato il Campionato regionale Esordienti, il 23 giugno a Villa Guardia.
Confermato il Giro della Provincia per Allievi. Apertura venerdì 2 agosto con la cronometro serale di Lurago d’Erba. La successiva domenica primo sconfinamento, con il traguardo a Ponchiera, nel Sondriese. L’11 arrivo a Sirtori, nel Lecchese. Poi la conclusione con le frazioni comasche, la gara del 18 agosto a Vertemate e il 25 con la Appiano Gentile-Colle del Ghisallo.
Ultimo evento di rilievo nel panorama ciclistico comasco, il Cross della Vigilia, prova di ciclocross in calendario il 24 dicembre a Lurago d’Erba.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.