Le personali di sei artisti animano l’estate di Canzo

altIn varie location
Sensuali, malinconiche, dolci, poetiche. Sono le figure femminili che popolano la vasta galleria di ritratti (dipinti e grafiche) di una pittrice comasca, Daniela Porro (nella foto, tratta dal suo profilo Facebook). È stata apprezzata anche dal grande critico teatrale Ugo Ronfani, che ha sottolineato la sua affinità con l’Impressionismo («Rinvia a Degas per la predilezione degli interni, di figure femminili sorprese nella quotidianità del vivere o delle danzatrici, non tanto idealizzate o sensualmente

evocate quanto colte nella spontaneità di un atteggiamento e nella loro confidente intimità»). Daniela è protagonista da domani al 17 agosto di una originale collettiva (di fatto un sestetto di personali) dal titolo “Sei gradi di separazione” con sei artisti in sei diverse location a Canzo. Le sue opere sono esposte nella serra del Parco Barni. Mentre Paolo Cucinato espone nel Battistero di Villa Meda, Luigi Dino-Guida ha scelto Palazzo Tentorio, dove si possono pure ammirare i lavori di Walter Pozzato. Onig (al secolo Gino Paresce) espone nella Biblioteca di Villa Meda, mentre Roberto Testa è al Teatro Sociale. La mostra è a cura dell’associazione “Nonsoloturismo” e rimane aperta il sabato e la domenica, oltre che il 15 agosto, dalle 10 alle 12.45 e dalle 16 alle 19. Nei feriali, solo dalle 16 alle 19.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.