Lega e Forza Italia presentano una mozione per creare una Ats Lariana

Palazzo Cernezzi

Istituire un’Ats Lariana e rafforzare il ruolo dei sindaci in materia socio sanitaria. È l’oggetto di una mozione discussa e approvata lunedì sera dal consiglio comunale di Como che si è riunito in via telematica. Sono stati 17 i voti a favore, nessun contrario e cinque astenuti. A presentare la mozione i consiglieri di Forza Italia e della Lega che intendono introdurre una serie di modifiche alla legge regionale del 2015. Due gli emendamenti al testo da parte dei consiglieri Matteo Ferretti (FdI) e Alessandro Rapinese (Lista Rapinese).

Il centrodestra comasco in sostanza vorrebbe “smontare” la divisione territoriale della sanità, parte della riforma varata dall’ex governatore leghista Roberto Maroni. Obiettivo dichiarato sganciarsi dunque dalle attuali ripartizioni per tornare a essere una realtà a se stante. E in aula a Como si è subito acceso il dibattito politico.

«È evidente che questa legge deve essere riformata ma il paradosso è esprimersi su una mozione presentata da quelle stesse forze politiche che hanno sottoscritto la legge regionale. Per questo ci asteniamo, per il paradosso della vicenda», ha spiegato il consigliere Vittorio Nessi, Svolta Civica. «Mi sembra una mozione nata per rattoppare», è il commento di Daniela Lissi del Partito democratico che aggiunge: «Non è che con una nuova Ats e più potere ai sindaci si risolva il problema della sanità».

Ancora più netto l’intervento di Alessandro Rapinese. «Università e sanità, oggi Varese impera su tutto. Como ha una dignità di secoli di storia ma deve farsi rispettare», spiega il consigliere Rapinese della Lista Rapinese. «Dobbiamo avere il coraggio di dire ai nostri politici di cambiare questa riforma – spiega Pierangela Torresani del gruppo misto – Non so cosa potremo fare con questa mozione se non cambiamo la legge in regione Lombardia».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.