Liliana Segre a Como, incontro con gli studenti. Un lungo applauso ha salutato la senatrice a vita

Liliana Segre

«Io da nonna incontro i ragazzi molto volentieri perché i loro sguardi sono significativi e per questo ho accettato l’invito a Como. Mentre gli sguardi degli adulti sono ormai privi di significato». Sono le parole della senatrice a vita Liliana Segre, superstite dell’Olocausto e attiva testimone della Shoah italiana, che questa mattina al Teatro Sociale ha incontrato gli studenti dell’Isis Setificio “Paolo Carcano” di Como. Si è trattato di un “Dialogo sulla memoria”. «Racconto, guardo i ragazzi e mi sento la loro nonna ideale. Una ragazza mi ha chiesto come ho fatto a ritornare alla vita normale dopo le mie esperienze passate e io in questi casi sento la necessità di raccontare come sono andate le cose, anche perché il presente mi preoccupa», ha detto Liliana Segre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.