L’ultimo saluto a Pierino Prati questa mattina a Fabbrica Durini

Pierino Prati 1

L’ultimo saluto a Pierino Prati sarà questa mattina alle 9 a Fabbrica Durini, frazione di Alzate, al campo sportivo. L’ex calciatore, che da anni risiedeva nel Comasco, è scomparso l’altro ieri all’età di 73 anni. Personaggi del mondo del calcio sono attesi oggi in Brianza, per rendere omaggio a un atleta che ha lasciato un segno importante in tutte le squadre in cui ha giocato. Lo dicono le testimonianze di queste ore, sia quelle di compagni di squadra e di avversari, sia delle persone che negli anni lo hanno conosciuto e nel hanno apprezzato la disponibilità.
Prati era nato a Cinisello Balsamo il 13 dicembre del 1946. Nella sua carriera ha militato con Milan, Roma, Fiorentina, Salernitana, Savona e in America con i Rochester Lancers.
Con la Nazionale ha vinto gli Europei del 1968 in Italia ed era nel gruppo che ha partecipato ai Mondiali in Messico nel 1970.
Tra i suoi successi, una Coppa Campioni, una Intercontinentale, due Coppe delle Coppe, uno scudetto e due Coppe Italia.
Da allenatore ha guidato Lecco, Pro Patria, Solbiatese e Sporting Bellinzago.
L’ex calciatore da anni viveva, come detto, nella Brianza comasca, prima ad Arosio, poi ad Alzate. Ma gli appassionati lo trovavano spesso a Inverigo, nella trattoria che frequentava quotidianamente e dove scambiava volentieri impressioni sul calcio di ieri e di oggi.
Tra i ricordi di queste ore, quelli delle società del territorio con cui Pierino Prati ha collaborato e del Roma Club Como, sodalizio che ha la sede proprio ad Alzate Brianza e di cui l’ex centravanti è stato spesso ospite.
«Ha chiuso gli occhi un gigante della nostra Storia. Dal Bernabeu alla Bombonera: Piero Prati ha dato lustro in tutto il mondo ai colori rossoneri. Ciao Piero» è stato il messaggio del Milan; mister Stefano Pioli ha voluto dedicare al compianto ex giocatore la vittoria di Lecce.
Ma anche l’Inter ha avuto parole di ricordo commosso per Prati, scomparso a pochi giorni di distanza da un mito nerazzurro, Mario Corso. «Pierino Prati, un altro campione che ha reso speciale Milano con le sue gesta, ci saluta. L’Inter, con tutti i suoi tifosi, ricorda con affetto un grande avversario di sfide indimenticabili».
Il ricordo della Roma è stato con immagini dell’attaccante con la maglia giallorossa, una esultanza, un festeggiamento con i tifosi e una sua frase: «Il Milan è stato mia moglie, la Roma la mia amante».
Particolare la citazione dei tifosi del Savona, che hanno raccontato un aneddoto di qualche anno fa. In occasione di una trasferta dei liguri allo stadio Sinigaglia, Pierino Prati si collegò in diretta con il pullman dei sostenitori ospiti e il suo saluto fu accolto da un boato: le stagioni trionfali del centravanti con i biancoblù non sono state mai dimenticate e ancora oggi vengono raccontate con nostalgia e rispetto ai sostenitori più giovani.

Nella foto, Pierino Prati ospite ad una serata del Roma Club Como

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.