Mario Rumi, ieri l’estremo saluto al comasco che amava l’Africa

altAddio al benefattore
Una folla di amici e parenti ha dato l’ultimo saluto, ieri a Lipomo, a Mario Rumi, scomparso a 82 anni dopo una breve malattia. Durante l’omelia funebre, nella chiesa dello Spirito Santo, il parroco don Mario Moiola ha voluto ricordare come Rumi avesse dato un nuovo senso alla sua vita, dopo la tragica scomparsa del figlio Manuel, portato via da quel deserto che tanto amava a soli 27 anni.

Al suo ricordo ha dedicato tutta una vita, prima scrivendo un libro, Manuel il mio Tuareg, ristampato più volte, e poi costruendo oltre 250 pozzi nel Sahara grazie alla sua associazione.

Rumi lascia ora alla moglie Dolores, alla figlia Beatrice e al nipote Alessandro il compito di proseguire l’opera. Che lo ha visto impegnato senza sosta per oltre 25 anni, coinvolgendo con la sua passione centinaia di persone che avevano imparato a voler bene a quel papà tutto d’un pezzo che, in un’estate di sole del 1988, aveva visto la sua vita cambiare per sempre.
Si era fatto forza e, con il coraggio che arriva solo dall’amore per un figlio che non c’è più, Mario aveva deciso che il suo viaggio interrotto in quel mese d’agosto lo avrebbe proseguito lui. Si era messo in spalla le passioni del figlio e aveva raggiunto quel deserto che si era portato via Manuel dopo un incidente solitario in moto. Solo così Mario ha potuto sopportare un dolore che, anno dopo anno, si è lentamente trasformato in un sorriso di opere che nessuno potrà mai cancellare. Con i suoi pozzi, scavati uno dopo l’altro, Mario ha fatto del bene e tenuto vicino a sé il suo Manuel. Hanno viaggiato insieme fino alla fine, sapendo che, quando finalmente si sarebbero riabbracciati, qualcuno avrebbe continuato un tragitto che porta acqua e amore da troppi anni per essere interrotto.
E chissà, come ha ricordato don Mario, se ora l’Associazione Manuel Rumi potrà finalmente trovare una casa a Lipomo.

Nella foto:
La cerimonia funebre ieri pomeriggio nella chiesa dello Spirito Santo a Lipomo (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.