“Maya dei Girasoli”, quando la musica dà speranza

Andrea Parodi

Maya dei Girasoli è una canzone inedita, composta dal cantautore e produttore comasco Andrea Parodi, rimasta chiusa in un cassetto dal 2013, che esce ora accompagnata da un video.
La canzone è frutto di una session musicale registrata ad Austin, in Texas, con musicisti di Bob Dylan e Paul Simon.
Al mandolino c’è David Immerglück dei Counting Crows, che appare anche nelle prime immagini del video, e l’ultimo strumento che si è aggiunto alla canzone è la tromba di Raffaele Kohler, simbolo di speranza in questo tempo di pandemia. La moglie di Raffaele Kohler, Elisabetta Ferrari, ha illustrato la canzone che diventerà anche un libro, a livelli, con i disegni e la storia che si completeranno pagina dopo pagina, verso dopo verso. «Dopo un lungo autunno di solitudini e chiusure, con la ripresa delle lezioni in presenza e l’arrivo del vaccino, il nostro augurio è quello di disegnare ali nuove ai grandi sogni dei nostri bambini e ragazzi», dice Parodi, che cura le sue produzioni musicali con l’ etichetta Appaloosa Records. La canzone è stata mixata al The Shelter Recording Studio di Meda da Matteo Tovaglieri.
Parodi ha un curriculum musicale di prim’ordine: è stato il primo e unico italiano in cartellone al Woody Guthrie Folk Festival (Okemah, Oklahoma) e per due volte ha diviso il palco con “The Boss” Bruce Springsteen al festival Light of Day (Asbury Park, New Jersey). Si è esibito in Massachusetts in alcuni locali cult della beat generation, come la leggendaria chiesa di Alice’s Restaurant e il Dream Away Lodge, da dove è partita la Rolling Thunder Review di Bob Dylan.
Tra le sue creature la “Barnetti Bros Band”, il cui disco – dal titolo Chupadero – ha conquistato la copertina della rivista specializzata Buscadero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.