Miss Italia, il sogno da coronare per le due comasche in concorso

Martina Pagani, Iryna Nicoli

Due comasche alla fase finale di Miss Italia. Un sogno che è diventato realtà per Iryna Nicoli, 20 anni, di Alta Valle Intelvi e Martina Pagani, 21enne di Beregazzo con Figliaro. Iryna gareggia con il numero 52, Martina con il 39: numeri che è importante memorizzare, visto che in questa edizione – finale venerdì 6 settembre su Rai 1 – la vincitrice sarà decisa con un televoto integrale.
Per le ragazze a Jesolo questi sono giorni decisamente intensi tra preparazione, sfilate ed eventi. L’altra sera tutto il gruppo delle 80 ragazze ha partecipato a un flashmob. «Un corteo in difesa della libertà delle donne, compresa quella di esibire la propria bellezza sfilando su una passerella», come è stato spiegato dall’organizzazione. Questa mattina si assegneranno le prime fasce degli sponsor: indicazione importante per vedere l’indirizzo e le più apprezzate in questa edizione 2019 del popolare concorso.
Tra un impegno e l’altro Iryna e Martina hanno raccontato la loro esperienza a Miss Italia.
«Per me è già un successo essere qui – afferma Martina Pagani – Ovviamente la speranza è di andare più avanti possibile. Logico che una volta ottenuta la qualificazione, il desiderio sia quello di ottenere un bel risultato».
Martina rivela: «Dai discorsi che ho sentito, il gruppo delle lombarde quest’anno è ben accreditato. Noi siamo molto compatte e ci sosteniamo a vicenda, nei momenti più difficili. E questo è un bel punto di forza.
«Essere a Miss Italia rimane la realizzazione di un sogno – afferma ancora la comasca. Fin da piccola ho segnato di lavorare nel mondo dello spettacolo e questa potrebbe essere una importante opportunità».
Martina Pagani lavora nella ditta di famiglia, ha praticato karate («Una esperienza molto formativa» dice) e ama il disegno. Ma è pronta a cambiare vita: «Se si dovesse aprire qualche porta dopo questa esperienza dovrei riorganizzarmi su ogni fronte: ma sono pronta e ho prima di tutto l’appoggio della mia famiglia».
E da questa esperienza tornerà con una nuova amica, l’altra comasca Iryna Nicoli: le due hanno partecipato alle selezioni assieme, hanno fatto in compagnia lunghi viaggi e ora sono entrambe a Jesolo. «Essere qui è una emozione indescrivibile – sostiene – Gli impegni si susseguono uno dietro l’altro e le giornate passano velocissime. Sto vivendo un sogno che per fortuna è la realtà. È tutto un altro mondo».
Anche Iryna, come Martina, ha fatto karate, studia Economia a Lugano e dall’età di 7 anni suona il sassofono. «Da sempre mi piacerebbe lavorare nello spettacolo e Miss Italia può essere un importante trampolino di lancio – conclude – Sarebbe bello entrare nel mondo della televisione o magari fare l’attrice… Sono pronta a mettermi in gioco in varie situazioni; ma per ora tutta la concentrazione è sul concorso, poi ci sarà tempo per valutare».
Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.